Problemi dell’apprendimento per 3 studenti su 100

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 04/09/2019 Aggiornato il 04/09/2019

Difficoltà di lettura, scrittura, calcolo sono in aumento vertiginoso: si stima un incremento del 450% in soli 7 anni tra gli studenti italiani

Problemi dell’apprendimento per 3 studenti su 100

Il termine tecnico che li identifica è Dsa “Disturbi specifici dell’apprendimento” e comprende tra gli altri la dislessia, la discalculia, la disgrafia. Secondo i dati resi noti dalle aziende sanitarie nell’anno scolastico 2010-2011 i ragazzi dislessici o disgrafici, riconosciuti tramite i documenti delle aziende sanitarie, erano appena lo 0,7% del totale. Sette anni dopo, nel 2017-2018 rappresentavano il 3,2% della popolazione studentesca per un totale di 276mila. Questo esorbitante aumento ha molteplici ragioni: innanzitutto un tempo questi problemi venivano liquidati con il classico giudizio “è intelligente ma non si applica”. Inoltre l’introduzione, nel 2010, della legge 170 sulle “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico”. Questa normativa riconosce al bambino vari problemi dell’apprendimento e permette allo studente con diagnosi di Dsa di usufruire di “appositi provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica nel corso dei cicli di istruzione e formazione e negli studi universitari”.

Certificazioni più frequenti al nord

Solo negli ultimi quattro anni le certificazioni per la dislessia sono salite da circa 94mila a 177mila, con un tasso di crescita dell’88,7%, le certificazioni di disgrafia sono passate da 30mila a 79mila, con una crescita del 163%, quelle di disortografia sono cresciute del 150% passando da circa 37mila a 92mila alunni e la certificazione per discalculia è aumentata del 160% crescendo da 33mila a poco meno di 87mila casi. Le certificazioni sono state rilasciate soprattutto nelle regioni del Nord-Ovest, Centro e Nord-Est. Poche invece al Sud. Tra le singole regioni, i Dsa certificati sono più numerosi in Valle d’Aosta e Liguria, in Piemonte e in Lombardia, quasi assenti in Calabria, Campania e Sicilia.  

Il problema non è solo scolastico

Senza una certificazione, il rischio per gli studenti è alto visto che i problemi dell’apprendimento investono la sfera personale nel suo insieme, non solo la scuola. Il fallimento scolastico può provocare scarsa autostima() e incidere sulla personalità del ragazzo, che potrebbe così lasciare la scuola: una scelta che si potrebbe evitare se lo studente avesse a disposizione i provvedimenti dispensativi e compensativi. È fondamentale quindi individuare e prevenire in tempo i problemi dell’apprendimento.

 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

In Italia, per quanto riguarda le certificazioni di Dsa, non siamo ancora in linea con i dati internazionali che oscillano dal 5% al 15%: siamo ancora al di sotto della media. 

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti