Psicofarmaci per l’autismo? L’Italia dice no!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/02/2014 Aggiornato il 24/02/2014

Negli Stati Uniti più di 6 bambini con autismo su 10 vengono trattati con gli psicofarmaci. In Italia succede molto raramente. Ecco perché

Psicofarmaci per l’autismo? L’Italia dice no!

 

Negli Stati Uniti, il 64% dei bimbi con autismo è in terapia con medicinali psicotropi, che agiscono cioè sul sistema nervoso centrale. In Italia sono solo il 17%. Come mai questa differenza?

In America il 15% prende tre psicofarmaci insieme

Uno studio americano condotto su circa 33 mila bimbi ha evidenziato che il 35% dei piccoli con autismo prende due psicofarmaci, il 15% si loro almeno tre. I ragazzini oltre gli 11 anni sarebbero i più trattati farmacologicamente.

In Italia una rarità

In Italia, dove la prevalenza stimata dei disturbi dello spettro autistico in bambini e adolescenti è 4 volte inferiore che nei Paesi americani, la prescrizione di psicofarmaci in età prescolare è una rarità. In generale, queste molecole sono prescritte per l’autismo 10 volte meno che negli Stati Uniti.

Non si sono prove che servano realmente

Due i principali problemi: non ci sono, al momento, evidenze scientifiche a supporto della validità di queste cure nell’autismo, ma sono certi gli effetti collaterali, che possono andare dalle alterazioni percettive a problemi di comportamento e sbalzi d’umore. Il trattamento con gli psicofarmaci, inoltre, non è curativo, ma solo sintomatologico, perché purtroppo da questa malattia non si può guarire.

Approcci soft ma efficaci nel nostro Paese

In Italia si preferiscono metodi più soft contro l’autismo. I trattamenti più efficaci per la cura dell’autismo, comprovati scientificamente, sono definiti nelle Linee guida dell’Istituto superiore di sanità e consistono nell’approccio cognitivo-comportamentale, che non ha effetti collaterali: il Teach, l’Aba (Applied Behavior analisys) e l’Early Start Denver Mode.

In breve

NUOVI FARMACI APPENA APPROVATI NEGLI USA

Recentemente la Food and Drug Administration ha approvato due farmaci, tra cui il risperidone, nel trattamento a breve termine dei problemi comportamentali (irritabilità, ritiro sociale, iperattività e comportamenti stereotipati) nei bambini autistici dai 5 anni d’età in su. Presentano però alcuni eventi avversi che devono essere attentamente monitorati. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti