Quoziente intellettivo: ecco come alzarlo nei bambini

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 04/05/2018 Aggiornato il 04/08/2018

Farli giocare all’aperto, favorire le relazioni, incoraggiarli a scoprire il mondo: tutte strategie in grado di aumentare il quoziente intellettivo nei bambini

Quoziente intellettivo: ecco come alzarlo nei bambini

Chi l’ha detto che l’intelligenza è tutta ed esclusivamente una questione di Dna? Non è vero che non si può fare nulla per migliorare il quoziente intellettivo, o QI, dei bambini. Anzi: se i genitori nei primissimi anni li stimolano molto, ci sono buone speranze di avere figli intellettualmente dotati. Questa perlomeno è la conclusione cui è giunto uno studio condotto da un team di ricercatori della Rutger University nel New Jersey, pubblicato sulla rivista medica Psychological Bulletin dell’American Psychological Association.

Il peso dei geni…

Per prima cosa gli autori hanno valutato gli studi presenti in letteratura per capire quanto conta l’ereditabilità sullo sviluppo dell’intelligenza. Hanno così utilizzato una scala decimale che va da 0 a 1, per determinare quanto il codice genetico pesa nel dare forma a una data caratteristica individuale: in pratica, lo 0 equivale a un’assenza di peso, mentre 1 indica che il carattere è totalmente dovuto ai geni. Per esempio, secondo loro il colore degli occhi ha un quoziente di ereditabilità pari a 0.99, dunque è stabilito quasi completamente dal Dna.

… E degli stimoli

Invece, per il quoziente intellettivo la quota di ereditabilità è pari all’80% (punteggio dello 0.8). Tuttavia, questa percentuale diminuisce nei primissimi anni di vita. Infatti, le evidenze scientifiche suggeriscono che nella prima infanzia le facoltà intellettive risultano molto più modulabili rispetto a quando si è adulti. I ricercatori americani hanno stabilito che nei bimbi piccoli l’ereditabilità del QI da 0.8 scende a 0.3. Ciò significa che durante i primi anni l’influenza dell’ambiente esterno e dunque dell’educazione è molto forte, tanto che vale per il 70%. Hanno concluso, quindi, che i genitori possono agire per alzare il Qi dei figli.

I consigli per mamma e papà

Ma in che modo i gentori possono influenzare il Qi dei figli? Innanzitutto, aumentando il più possibile i contatti con gli altri, con la mamma, il papà, i familiari, ma anche con le altre persone. Le stimolazioni relazionali e sociali, infatti, sono molto importanti. Sì, anche a incoraggiare i bambini a giocare all’aperto, a lasciarli liberi di esplorare con i cinque sensi, a spronarli a conoscere il mondo esterno e le realtà diverse dalla propria.

 

 

Da sapere!

Fino all’adolescenza è possibile modulare la plasticità del cervello e influire in qualche modo sul Qi dei ragazzi. Non è mai troppo tardi, dunque, per stimolarli.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti