Raffreddore: al bambino può venire anche in estate

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/08/2019 Aggiornato il 09/08/2019

Aria condizionata, ventilatori accessi, sbalzi di temperatura tra dentro e fuori ed ecco che il bambino comincia a starnutire anche se ci sono più di 30 gradi. Già, perché il raffreddore viene anche in estate e soprattutto ai bambini...

Raffreddore: al bambino può venire anche in estate

Sebbene molti lo considerino un disturbo invernale, in realtà il raffreddore può comparire anche in estate.  Niente di strano: anche la bella stagione può mettere a dura prova le prime vie respiratorie del bambino. Vediamo le situazioni più a rischio.

È un’infezione virale

Il raffreddore è un’infezione virale che interessa il naso e la gola. Può essere causato da 200 tipi di virus diversi, che si diffondono da un bambino all’altro attraverso le vie aeree. Per esempio, con le goccioline di saliva che si disperdono nell’aria mentre si starnutisce. Anche le mani sono un veicolo di contagio: per contatto con persone che hanno il virus oppure con oggetti contaminati.

I fattori di rischio

Sebbene molti la considerino “innocua”, in realtà anche l’estate è una stagione a rischio per quanto riguarda il raffreddore. Soprattutto nel bambino piccolo, che ha un sistema di difesa ancora immaturo ed è più delicato degli adulti. L’uso dell’aria condizionata o del ventilatore, le brusche variazioni di temperatura fra locali refrigerati e ambienti esterni torridi, la sudorazione abbondante, il tasso di umidità, i temporali improvvisi rappresentano tutti fattori di rischio per questa infezione.

Il lavaggio del nasino

Se il piccolo ha il naso chiuso, occorre liberarlo, utilizzando soluzione fisiologica e appositi aspiratori più volte al giorno. Il pediatra può consigliare anche l’uso dell’aerosol con soluzione fisiologica.

Attenzione all’idratazione

È importante, poi, far bere molto il bambino: i liquidi aiutano a fluidificare il muco e a mantenere l’organismo in condizioni di giusta idratazione (ottimali per reagire all’attacco del virus). Anche se è estate, infine, è fondamentale controllare l’umidità. Il tasso in casa deve essere intorno al 50-55%: se serve, ricorrere a deumidificatori o umidificatori per correggerlo. In ogni caso, è bene aerare sempre bene le stanze della casa, per disperdere i microbi presenti nell’aria.

In breve

SI’ AL BAGNO DI VAPORE

Anche se è estate, contro il raffreddore del bambino può essere utile un bagno di vapore. Basta far scorrere l’acqua calda della vasca fino a che il bagno non è abbastanza saturo di vapore e tenere con sé il bimbo, nella stanza, per circa 10-15 minuti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti