Raffreddore: curalo con l’omeopatia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/10/2015 Aggiornato il 12/10/2015

Tra i rimedi naturali contro il raffreddore, l’omeopatia può aiutare. È ideale soprattutto per i bambini, perché questi medicinali non hanno effetti indesiderati o controindicazioni

Raffreddore: curalo con l’omeopatia

Il raffreddore è forse il più comune tra i disturbi da raffreddamento e non risparmia nessuno, grande o piccolo. Non è grave, ma molto, molto disturbante. I bambini, poi, con il naso chiuso fanno fatica a dormire, a respirare e persino a mangiare. I medicinali tradizionali più di tanto non fanno contro il raffreddore, mentre i rimedi omeopatici possono essere d’aiuto. Abbiamo chiesto al dottor Giampaolo Guida, medico di famiglia esperto in omeopatia a Bologna, qualche consiglio.

Che cosa fare per il naso chiuso?

Freddo, sbalzi di temperatura e altri fattori ambientali sono tra le cause più frequenti per contrarre il raffreddore. Non appena si riconoscono i sintomi del raffreddore (starnuti, naso tappato o che cola, bruciore alla gola), suggerisco di assumere il prima possibile una dose di un medicinale omeopatico come Oscillococcinum e poi di ripetere l’assunzione fino a tre volte al giorno, ogni sei ore circa. Questo preparato secondo la mia esperienza aiuta a velocizzare il decorso della malattia.

Come si danno questi globuli?

La somministrazione dei medicinali omeopatici è molto semplice: i granuli e i globuli omeopatici, cioè le forme farmaceutiche specifiche più diffuse dell’omeopatia, vanno lasciati sciogliere in bocca, preferibilmente sotto la lingua. Per la somministrazione ai neonati e ai bambini sotto i due anni di età possono anche essere sciolti in un po’ d’acqua, preferibilmente oligominerale e a temperatura ambiente (meglio evitare la miscelazione con tisane o bevande aromatiche) e proposti in un bicchiere, nel biberon, o con un cucchiaino.

Si può prevenire?

Il ricorso ai medicinali omeopatici in fase preventiva è sicuramente un ottimo accorgimento per proteggere l’organismo di grandi e piccini dall’insorgenza delle principali sindromi influenzali e da raffreddamento. Uno dei medicinali che più frequentemente consiglio ai miei pazienti, adulti e piccoli, è proprio Oscillococcinum, medicinale omeopatico che contribuisce a ridurre in modo significativo il rischio di ammalarsi. La terapia omeopatica può essere associata alla messa in pratica di alcuni semplici consigli di igiene domestica quotidiana, come disinfettare con cura i sanitari e i piani di lavoro, i giocattoli, gli spazzolini da denti, i telefoni e i telecomandi.

 

 

 
 
 

In breve

BUTTARE VIA I FAZZOLETTI USATI

L’igiene personale è fondamentale: va sempre messa la mano davanti alla bocca quando si starnutisce, si devono lavare le mani con acqua calda e sapone neutro dopo ogni starnuto e vanno sempre gettati i fazzoletti usati senza appoggiarli su scrivanie, comodini e piani della cucina.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti