Sana alimentazione più facile per i piccoli cuochi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/07/2018 Aggiornato il 03/07/2018

Se da piccoli si impara a cucinare, da grandi si avrà più probabilmente una sana alimentazione. Ecco perché

Sana alimentazione più facile per i piccoli cuochi

Saper cucinare da adolescenti ha dei risvolti molto positivi sulla salute da adulti. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista medica Journal of Nutrition Education and Behavior  essere piccolo cuochi assicura una sana alimentazione da grandi, con vantaggiose conseguenze in termini di benessere salutare.

Chi ben comincia…

Un gruppo di ricercatori americani e neozelandesi hanno valutato le competenze culinarie auto – percepite di più di mille giovani. Senza differenze sociodemografiche statisticamente significative, un quarto dei giovani partecipanti all’indagine si era allora definito molto capace ai fornelli, mentre il resto del campione capace o molto inadeguato. In seguito, c’è stata una valutazione da adulti: per esempio, su quanto erano abili in cucina, sulla frequenza con cui preparavano i pasti, sul numero di porzioni di verdura, sulla frequenza con la quale consumavano il cibo in famiglia o in un fast food.

Più bravi in cucina, più sani a tavola

Ebbene, i risultati dall’indagine hanno mostrato che i ragazzi che nel 2002 si consideravano “capaci in cucina”, erano gli stessi che 10 anni dopo ottenevano i migliori risultati in termini di sana alimentazione con un più alto consumo di pasti con verdura, pranzo e cena in famiglia e minor difficoltà a preparare il cibo per sé o per gli altri.

Progetti educativi

Secondo Jennifer Utter, professore associato di epidemiologia e biostatistica all’Università di Auckland, in Nuova Zelanda, e primo autore dello studio: “Le ricadute positive sulle competenze culinarie nelle prime fasi della vita potrebbero non essere evidenti finché non si diventa adulti, quando si hanno maggiori opportunità e responsabilità nella preparazione dei pasti”. Importante, quindi, incentivare le famiglie, i professionisti della salute e della nutrizione, gli educatori e le comunità a continuare a investire sull’educazione culinaria dei bambini.

 

 
 
 

Da sapere!

Il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) ha redatto le Linee Guida per l’Educazione alimentare nelle scuole.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto un po’ più grande rispetto all’atteso

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

La gravidanza può essere ridatata grazie a quanto rilevato con la prima ecografia.   »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti