Scarsa igiene a scuola: 6 mamme su 10 temono gli insetti e i parassiti

Luciana Pellegrino Pubblicato il Aggiornato il 08/01/2019

Brutti voti, rischio bullismo, difficoltà di apprendimento? No. Ciò che preoccupa maggiormente le mamme della scuola è la scarsa igiene, potenziale causa di molte malattie nei figli

Il maggiore timore delle mamme italiane è la trasmissione di malattie e infezioni legate alla scarsa igiene a scuola, che mettono a rischio la salute dei bambini. Secondo un sondaggio, infatti, la principale paura delle mamme italiane è la presenza di infestanti e insetti vari, in particolar modo nelle aule, nelle palestre e nelle mense scolastiche. È quanto sarebbe emerso da una ricerca effettuata da Doxa per Rentokil Initial, società di servizi di disinfestazione e derattizzazione, secondo cui in Italia 6 mamme su 10 credono che la scuola sia infestata da insetti di ogni tipo, mentre una su tre crede che gli insetti siano associati a una scarsa igiene a scuola.

I principali timori delle mamme

Le mamme sono soprattutto preoccupate del fatto che la scarsa igiene a scuola comporti un alto rischio per la salute dei bambini. In particolar modo l’89% delle partecipanti è preoccupato per la trasmissione di malattie e infezioni da parte di ratti e topi, l’87% per la paura di morsi e punture di insetti e l’86% per il disgusto verso gli infestanti, come blatte e scarafaggi.

La hit degli infestanti meno graditi

Il 73% delle mamme associa la presenza di infestanti alla scarsa igiene nelle scuole, in particolar modo a causa di ratti, topi, blatte e scarafaggi. Con l’86% delle risposte gli scarafaggi e le blatte rappresentano gli ospiti meno graditi, seguiti da pulci, topi e zecche con il 78% e dagli insetti striscianti con il 75% dei riscontri. Le mamme hanno inoltre dichiarato di essere pronte ad attivare un servizio urgente di disinfestazione in caso di ratti e topi per l’81%, blatte e scarafaggi per il 73% e zecche e pulci per il 56%.

 

 
 

DA SAPERE

I LUOGHI A MAGGIOR PERICOLO

Secondo le mamme i luoghi più a rischio dove contrarre malattie e infezioni sono i bagni per l’88%, i mezzi pubblici per il 66%, gli spogliatoi di piscine e palestre per il 65% e scuole e asili per il 45% delle mamme intervistate.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti