Come fare in casa la scatola per imbucare Montessori?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 03/11/2022 Aggiornato il 19/06/2024

La scatola per imbucare Montessori è un gioco divertente e istruttivo per i bambini più piccoli. Ecco come si può costruire a casa con materiali semplici e a portata di mano

bimba gioca con la scatola per imbucare montessori

Un gioco semplice da realizzare anche in casa propria, ma divertente e utile per lo sviluppo cognitivo e motorio del bambino piccolo, è la scatola per imbucare Montessori. Anche questo simpatico oggetto risponde alle finalità educative del metodo Montessori, secondo il quale è importante favorire nel modo più libero e consono le capacità espressive dei bimbi.

A che cosa serve la scatola per imbucare Montessori?

La scatola per imbucare Montessori è semplicemente una scatola, o, meglio ancora, un cubo, all’interno della quale il bambino deve introdurre l’oggetto della forma giusta. Nella parte superiore, che è chiusa, è presente un foro di certe dimensioni, a forma di cerchio, di quadrato, triangolo o di qualsiasi forma si voglia realizzare. Il bambino deve riuscire a introdurre nel foro l’oggetto della forma corretta: una palla nella scatola con il foro rotondo, un piccolo cubo nel foro quadrato e così via. Questa operazione, così semplice da una certa età in poi, è tutt’altro che scontata per il bambino al di sotto dell’anno. L’età giusta per proporre questo gioco è dai 9-10 mesi in su, quando i bambini iniziano a sviluppare movimenti precisi e hanno bisogno di migliorare la coordinazione tra vista e gesti.

Quali materiali occorrono per la scatola per imbucare Montessori?

Spieghiamo adesso come costruire la scatola Montessori per imbucare una palla o comunque un oggetto di forma rotonda. Occorrono:

  • una scatola già pronta (per esempio una per le scarpe o un qualsiasi scatolone) con il suo coperchio
  • un paio di forbici
  • colla
  • una matita
  • un bicchiere
  • pennarelli colorati oppure ritagli di stoffa o di carta colorata.

 

Se si è abili nel bricolage, si possono usare anche pannelli in legno per creare la scatola per imbucare Montessori. In questo caso, per mettere insieme le varie parti occorrono anche un seghetto da legno e colla atossica a tenuta forte.

Come si costruisce la scatola per imbucare Montessori?

Sono gli adulti a dover costruire la scatola, sia per ragioni di sicurezza, sia perché è un compito troppo impegnativo per un bimbo piccolo.

La scatola deve essere dotata di due aperture: una sul coperchio o comunque sulla parte superiore, che deve essere rotonda per permettere l’ingresso di una palla. Ci si può aiutare disegnando il cerchio con la matita, seguendo il bordo del bicchiere.

L’altra apertura va ritagliata in basso su un lato, a forma di arco. Deve costituire una sorta di porta per permettere alla palla di uscire dopo essere stata imbucata. Sulla scatola, l’adulto insieme con il bambino possono poi applicare adesivi, pezzetti di stoffa colorati, possono fare disegni.

Anche il bimbo può partecipare, ovviamente senza toccare le forbici, il seghetto o la colla. È possibile affidargli compiti semplici, ma coinvolgenti, come pasticciare con i pennarelli sulla scatola, creando decorazioni personali e applicando adesivi.

 

Come deve comportarsi l’adulto?

 

Il ruolo del genitore è supervisionare la creazione della scatola per imbucare Montessori, permettendo che il bambino esprima la propria creatività in sicurezza. Gli può mostrare, per esempio,  come si impugna il pennarello o si applicano gli adesivi, lasciandolo però fare da solo. Il piccolo si sentirà coinvolto e stimolato nella creazione di un oggetto assolutamente personale, anche se non perfetto. Non è il caso di correggere il piccolo o di fare le cose al posto suo: questo atteggiamento potrebbe causargli frustrazione e insicurezza. È importante, invece, dargli fiducia, per insegnargli a fare da solo, come raccomanda il metodo Montessori.

Come si usa la scatola per imbucare?

È importante creare fori sufficientemente grandi, in modo che possano essere imbucati oggetti piuttosto voluminosi, che non corrano il rischio di essere ingeriti dal bambino. Questo vale sia nella scatola per imbucare Montessori con foro rotondo, quindi per imbucare la palla, sia quando si costruiscono forme più complesse come rettangoli, triangoli o perfino stelle. Nell’interazione con il gioco, il piccolo deve capire di dover imbucare la palla nell’apposito foro di passaggio. Questa cadrà verso il basso, uscendo dall’apertura apposita e comparirà come per magia agli occhi del bimbo, che potrà afferrarla e ripetere all’infinito il gesto.

 

Quali sono gli effetti positivi del gioco?

 

Inserire la palla nel foro sembra un gesto semplice, ma è fondamentale per i bambini dai 9 mesi in poi, che hanno bisogno di sviluppare la coordinazione oculo-motoria. Il piccolo, infatti, apprende che a un suo gesto (la palla che entra correttamente nel passaggio) segue un effetto (l’oggetto che uscendo ricompare alla sua vista). Il gioco aiuta anche la maturazione affettiva e cognitiva, perché attorno ai 9 mesi i bambini soffrono spesso il distacco dai genitori, quando frequentano il nido o quando mamma e papà vanno al lavoro. Questo gioco fa comprendere che gli oggetti, così come le persone, anche se momentaneamente non si vedono continuano ad esserci. Rappresenta quindi un’importante fonte di sicurezza, molto più che le parole di rassicurazione da parte degli adulti.

 

 

 
 
 

In sintesi

Fino a che età è consigliata la scatola da imbucare?

Può essere proposta al bambino fino ai 3 anni circa. Con il passare del tempo è consigliabile creare altre scatole con forme più complesse, fornendo al bambino gli oggetti della forma idonea per essere imbucati. Oppure si può creare una scatola di forma rettangolare o allungata, creando fori vicini, di forma diversa.

Come si può rendere ancora più divertente il gioco?

Si può dotare la base della scatola di una sorta di recinto con il fondo leggermente inclinato, in cui la palla scivola dopo essere stata imbucata. Si possono dare al bambino anche palle di diverse dimensioni, purché non troppo piccole.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti