Sciarpa su bocca e naso riduce gli attacchi di asma

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 21/01/2019 Aggiornato il 24/01/2019

Le basse temperature non solo favoriscono la diffusione di virus e batteri, ma peggiorano anche l'asma. Una prevenzione a portata di tutti c'è: la sciarpa su bocca e naso!

Sciarpa su bocca e naso riduce gli attacchi di asma

È un’indicazione, semplice ed efficace, che arriva dalla Gran Bretagna: in inverno se si soffre di asma, usare sempre, ma proprio sempre, una sciarpa su bocca e naso. L’associazione britannia AsthmaUk riconosce come basta questo per ridurre notevolmente gli attacchi d’asma. Un consiglio valido per persone di tutte le età e in particolare per i bambini: se le basse temperature possono peggiorare gli attacchi d’asma soprattutto nei più piccoli, indossare una semplice sciarpa su bocca e naso può invece aiutare a prevenirli.

#share a Scarfie

In lingua originale lo slogan è “Share a #Scarfie, save a life. Prevent asthma attacks this winter with a #Scarfie” ed è stato lanciato dall’associazione britannica sui social con l’obiettivo di  raggiungere il numero più alto possibile di persone e per ricordare a coloro che soffrono d’asma quanto un semplice gesto come quello di indossare una sciarpa su bocca e naso possa aiutare a vivere meglio la stagione invernale.

Il freddo peggiora l’asma

Gli esperti dell’associazione spiegano che respirare aria fredda e umida fa restringere le vie aeree scatenando un attacco d’asma in tre soggetti asmatici su quattro: mettere una sciarpa su bocca e naso, invece, favorisce invece il riscaldamento dell’aria prima che entri nell’organismo, riducendo così gli episodi di attacchi d’asma. Andy Whittamore, che dirige l’associazione, ha affermato che “stiamo chiedendo a tutti, sia a chi soffre d’asma ma anche a chi non ne soffre ma conosce qualcuno che ce l’ha, di diffondere il messaggio che un gesto così semplice come indossare una sciarpa può arrivare a salvare una vita”.

Difficoltà respiratorie

L’asma è un disturbo caratterizzato da difficoltà respiratoria improvvisa accompagnata da tosse ed espirazione sibilante e prolungata. Per convivere al meglio con questa patologia, che può avere origine per cause diverse, l’associazione consiglia inoltre di preparare un “piano d’azione” per tenerla sotto controllo, con tutte le scadenze e i consigli da seguire per evitare, per esempio, di rimanere senza farmaci.

 

 

Lo sapevi che?

Secondo diverse ricerche, la presenza di cani e gatti in casa può aiutare a prevenire l’asma nei bambini.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti