Sciarpa su bocca e naso riduce gli attacchi di asma

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 21/01/2019 Aggiornato il 24/01/2019

Le basse temperature non solo favoriscono la diffusione di virus e batteri, ma peggiorano anche l'asma. Una prevenzione a portata di tutti c'è: la sciarpa su bocca e naso!

Sciarpa su bocca e naso riduce gli attacchi di asma

È un’indicazione, semplice ed efficace, che arriva dalla Gran Bretagna: in inverno se si soffre di asma, usare sempre, ma proprio sempre, una sciarpa su bocca e naso. L’associazione britannia AsthmaUk riconosce come basta questo per ridurre notevolmente gli attacchi d’asma. Un consiglio valido per persone di tutte le età e in particolare per i bambini: se le basse temperature possono peggiorare gli attacchi d’asma soprattutto nei più piccoli, indossare una semplice sciarpa su bocca e naso può invece aiutare a prevenirli.

#share a Scarfie

In lingua originale lo slogan è “Share a #Scarfie, save a life. Prevent asthma attacks this winter with a #Scarfie” ed è stato lanciato dall’associazione britannica sui social con l’obiettivo di  raggiungere il numero più alto possibile di persone e per ricordare a coloro che soffrono d’asma quanto un semplice gesto come quello di indossare una sciarpa su bocca e naso possa aiutare a vivere meglio la stagione invernale.

Il freddo peggiora l’asma

Gli esperti dell’associazione spiegano che respirare aria fredda e umida fa restringere le vie aeree scatenando un attacco d’asma in tre soggetti asmatici su quattro: mettere una sciarpa su bocca e naso, invece, favorisce invece il riscaldamento dell’aria prima che entri nell’organismo, riducendo così gli episodi di attacchi d’asma. Andy Whittamore, che dirige l’associazione, ha affermato che “stiamo chiedendo a tutti, sia a chi soffre d’asma ma anche a chi non ne soffre ma conosce qualcuno che ce l’ha, di diffondere il messaggio che un gesto così semplice come indossare una sciarpa può arrivare a salvare una vita”.

Difficoltà respiratorie

L’asma è un disturbo caratterizzato da difficoltà respiratoria improvvisa accompagnata da tosse ed espirazione sibilante e prolungata. Per convivere al meglio con questa patologia, che può avere origine per cause diverse, l’associazione consiglia inoltre di preparare un “piano d’azione” per tenerla sotto controllo, con tutte le scadenze e i consigli da seguire per evitare, per esempio, di rimanere senza farmaci.

 

 

Lo sapevi che?

Secondo diverse ricerche, la presenza di cani e gatti in casa può aiutare a prevenire l’asma nei bambini.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Plagiocefalia posteriore in bimbo di 3 anni: che fare?

07/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Nel primo anno di vita, il 20 per cento della popolazione pediatrica è interessata da un'assimetria del cranio che non richiede interventi chirurgici e non influisce sul normale sviluppo del bambino. Caschetto e terapia posizionale sono invece ausili preziosi.   »

Orticaria dopo un’infezione: può essere allergia all’antibiotico?

02/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

In una bimba di tre anni, è raro che la comparsa di puntini rossi durante una cura antibiotica sia dovuta a un'allergia al farmaco. E' più probabile, invece, che dipenda da una reazione agli agenti batterici o virali che hanno causato l'infezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti