Sì ai probiotici per la salute della bocca dei bambini

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 03/05/2021 Aggiornato il 03/05/2021

Yogurt e formaggi freschi vanno inclusi nell’alimentazione dei bambini. Apportano, infatti, probiotici per la salute della bocca, contro placca e infiammazione

Sì ai probiotici per la salute della bocca dei bambini

Oggi si parla molto di probiotici, microrganismi buoni che contribuiscono alla salute della flora batterica dell’organismo, il cosiddetto microbiota. Questo insieme di batteri si trovano un po’ ovunque nell’organismo, per esempio nell’intestino, nelle mucose e in molti tessuti. Ne esistono anche molti nel cavo orale, dove, secondo gli esperti, convivono almeno 500-700 specie batteriche di probiotici per la salute della bocca anche dei bambini.

Il ruolo dei probiotici

I probiotici sono microrganismi che vivono nell’organismo e contribuiscono a mantenerlo sano. Pro-bios significa infatti “per la vita”. Sono presenti a miliardi nel tratto intestinale, dove combattono i germi nocivi responsabili delle alterazioni della mucosa, migliorano l’attività del sistema di difesa, combattono i sintomi di colite e gastroenterite. Sono anche utili nelle malattie croniche come la celiachia o il morbo di Crohn. I probiotici inoltre aiutano l’organismo a contrastare l’insorgenza di vaginiti e infezioni varie, migliorano il metabolismo degli zuccheri e, secondo recenti studi, mantengono in salute anche denti e gengive, oltre a proteggere la mucosa che riveste il cavo orale.

Amici di denti e gengive

I probiotici per la salute della bocca svolgono una serie di ruoli diversi e importanti anche quando si tratta di bambini. Per esempio, sembra che i lattobacilli e i bifidobatteri contrastino l’attività dello Streptococcus mutas, un batterio presente nella saliva che può aumentare il rischio di carie dentaria, sempre a patto che si osservi una corretta igiene orale fin dai primi anni di vita. Alcuni ceppi come il Lactobacillus reuteri, il brevis e il Lactobacillus casei shirota combattono i processi infiammatori delle gengive, che espongono al rischio di sanguinamento e con il tempo predispongono alla malattia parodontale. Altri probiotici come il Bacillus subtilis e il Lactobacillus salivarius rallentano i processi di formazione della placca batterica che si accumula alla base dei denti e nelle tasche gengivali. Ancora, sembra che altri ceppi di probiotici aiutino a controllare la disbiosi che provoca alito cattivo e contrastino la comparsa di alterazioni dovute a funghi, come la Candida orale.

Procurarli attraverso i cibi

Secondo gli esperti della Società italiana di Parodontologia e Implantologia, i probiotici per la salute della bocca sono presenti in molti alimenti. Allattare al seno() arricchisce l’organismo del neonato di bifidobatteri importanti per la salute dell’intestino e di tutto l’organismo. I probiotici sono presenti poi negli yogurt, nel kefir, nei latti fermentati che si possono proporre ai bambini da bere come spuntino, nei formaggi freschi. L’azione di questi batteri amici viene potenziata se nella dieta quotidiana sono assunti anche i cosiddetti prebiotici, sostanze che costituiscono il nutrimento stesso dei batteri buoni. I prebiotici si trovano in molti alimenti ricchi di fibra, per esempio nei cereali integrali, nelle banane, nelle mele, in molti tipi di insalate. Cibi che possono e devono far parte dell’alimentazione quotidiana dei bambini. Probiotici e prebiotici insieme costituiscono alimenti simbiotici che agiscono in sinergia a beneficio di tutto l’organismo.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’igiene orale resta essenziale per la salute di denti e gengive. Fin dai primi anni è essenziale abituare il bambino a utilizzare uno spazzolino piccolo e morbido, aiutandolo nelle manovre di pulizia. Solo dopo i 5-6 anni è consigliabile aggiungere una piccolissima dose di dentifricio formulato per i più piccoli.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti