Sicurezza dei bambini: attenzione alle altalene

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/06/2016 Aggiornato il 29/06/2016

La sicurezza dei bambini al parco è in bilico: altalene e barre sospese potrebbero essere pericolose

Sicurezza dei bambini: attenzione alle altalene

Portare i piccoli al parco e ai giardinetti è sempre una gioia. Ma, per la sicurezza dei bambini, non sempre è così. E lo sanno bene le mamme e i papà che si sono trovati a dover “soccorrere” bambini caduti dalle altalene o dalle barre sospese. Sono proprio queste due attrazioni a essere le più rischiose per la sicurezza dei bambini. A parlarne è uno studio statunitense.

Troppi incidenti

Il Cdc USA ha registrato un elevato numero di incidenti relativi all’utilizzo di altalene e monkey bar (barre sospese) nei parchi. I ricercatori hanno studiato i dati relativi agli infortuni durante il gioco all’aperto e la sicurezza dei bambini è risultata minore proprio per quanto riguarda questo tipo di attrazioni. Infatti, è facile che i piccoli possano cadere sbattendo la testa e, se il pavimento non è rivestito con apposito materiale (un rivestimento che assorba gli urti), si rischiano anche gravi trauma cranici e conseguenti ricoveri ospedalieri.

In aumento gli infortuni alla testa

I risultati dello studio hanno evidenziato la crescita degli infortuni infantili alla testa, in prevalenza riguardanti maschi di età compresa tra i 5 e i 9 anni. Molti di questi fortunatamente non gravi, ma che hanno comunque richiesto un controllo in presidio di pronto soccorso e, a volte, visite specialistiche nei reparti di ortopedia e neurologia. Per quanto un genitore (o il nonno o, ancora, la baby sitter) possa sorvegliare, infatti, esisterà sempre la possibilità che il piccolo cada mentre si diverte e sperimenta i suoi limiti.

I pericoli da non sottovalutare

Nello specifico, gli attrezzi giudicati più insidiosi sono le altalene e le monkey bars, ovvero le barre sospese. Da qui, infatti, è più facile che i piccoli cadano sbattendo la testa in modo più o meno serio. L’idea non deve essere quella di bloccare sul nascere le evoluzioni e le sperimentazioni dei bambini, anche perché mettersi alla prova fisicamente è uno degli step più importanti per crescere e sviluppare un buon senso dell’equilibrio e una buona coordinazione . Il fine, per aumentare la sicurezza dei bambini durante il gioco all’aperto, è invece quello di rendere parchi e aree gioco adatti proprio ai piccoli fruitori, dotati quindi di tutti quei dispositivi,  grazie ai quali una caduta non si trasformi in trauma potenzialmente grave.

 

 

 
 
 

In breve

PIU’ PRECAUZIONI PER I BAMBINI

Oltre a una costante sorveglianza da parte dei genitori e degli adulti in generale, è importante che le aree gioco dei bambini siano messe in totale sicurezza. Per esempio, posizionando materiale morbido sotto le attrazioni più a rischio. Un’operazione semplice, e relativamente economica, che può scongiurare anche incidenti gravi.

.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti