Sindrome di Down: bambini più attivi e felici

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/11/2016 Aggiornato il 21/11/2016

Oggi i bambini affetti da sindrome di Down hanno una qualità della vita decisamente migliore rispetto anche solo a qualche anno fa. Merito dei progressi scientifici e di maggiore informazione

Sindrome di Down: bambini più attivi e felici

La sindrome di Down, oggi, fa meno paura rispetto al passato. In termini statistici, colpisce circa un bambino su 1.000. Ma sia l’aspettativa di vita, sia la qualità della stessa sono in netto miglioramento. Infatti, sebbene i bambini affetti da sindrome di Down siano più soggetti ad alcune malattie, rispettando il calendario dei controlli, il rischio diminuisce notevolmente.

Aiuti mirati

Inoltre, grazie a una maggiore informazione e a una cultura più diffusa, i bambini con sindrome di Down oggi possono usufruire di aiuti mirati, che consentono loro di condurre una vita attiva, soddisfacente e il più possibile serena dal punto di vista sia scolastico, sia  sociale.

Casi in calo

Nonostante la diffusione ancora alta di questa anomalia cromosomica (è ormai stato ampiamente dimostrato che con l’avanzare dell’età della futura mamma), l’incidenza  è in netta diminuzione, grazie alla capillarità con cui ci si sottopone alle indagini prenatali e sempre alla maggiore informazione.

Quali conseguenze

La “sintomatologia” della sindrome di Down consiste in ipotonia articolare, aspetto peculiare del viso e del capo, mani piccole e collo dalla caratteristica forma. A livello di salute, chi è affetto da sindrome di Down ha una cardiopatia congenita, a volte accompagnata da malformazioni a livello gastroenterico e a una variabile disabilità intellettiva. Purtroppo la sindrome si accompagna spesso anche a deficit dell’apparato uditivo o neurologici in genere, nonché a un sistema immunitario più debole.

Qualità della vita

La qualità della vita di chi è affetto da sindrome di Down è oggi in miglioramento grazie agli sviluppi in ambito medico-scientifico. L’evoluzione della sindrome di Down può anche coincidere con il rischio aumentato di incorrere in forme di leucemia o di contrarrre l’Alzheimer precocemente. Con gli screening periodici e dedicati, però, è possibile arginare anche questo tipo di rischi. La vita di chi è affetto da questa sindrome è in costante miglioramento grazie a nuovi strumenti utili a colmare e migliorare le abilità cognitive e motorie, nonché l’autonomia e l’indipendenza. 


 

 

 

 

 

 
 
 

da sapere!

La sindrome di Down si diagnostica con certezza solo attraverso l’esame del cariotipo con prelievo sanguigno che confermi la presenza di un cromosoma 21 in più.



 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti