Sindrome di Tourette, individuati 4 geni coinvolti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/06/2017 Aggiornato il 30/06/2017

Una persona su cento nel mondo è colpita dalla Sindrome di Tourette, detta anche la sindrome dei mille tic

Sindrome di Tourette, individuati 4 geni coinvolti

A soffrirne nel mondo è una persona su cento. Chi ne è affetto è perennemente alle prese con sintomi incontenibili tra smorfie, tic e frasi scurrili. Grazie a un gruppo di ricercatori dell’University of California San Francisco, Rutgers University, Massachusetts General Hospital, University of Florida e Yale School of Medicine, per la prima volta sono stati identificati 4 geni che potrebbero essere coinvolti nello sviluppo della sindrome di Tourette, posizionando un primo tassello nel puzzle della comprensione di questa patologia dalle origini misteriose. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Neuron.

Varianti non ereditarie

I ricercatori hanno confrontato le regioni di codifica delle proteine ​​dei genomi di bambini con la sindrome di Tourette e quelli dei loro genitori per identificare le cosiddette varianti “de novo”, rare mutazioni genetiche non ereditarie che si verificano spontaneamente al momento del concepimento e che, come spiegano gli studiosi, possono avere effetti biologici anche più forti di quelle ereditarie.

Dati incrociati

Secondo il gruppo di ricerca sono quattro i geni danneggiati che potrebbero alterare il normale sviluppo del cervello nei soggetti con sindrome di Tourette. Gli studiosi hanno analizzato i dati genomici provenienti da 311 terne di soggetti composte da bambino-madre-padre e li hanno poi confrontati con quelli di altre 173 terne, rilevando gli stessi risultati. Incrociando i dati, i ricercatori sono riusciti a stringere il cerchio e a identificare 4 geni espressi nel cervello in cui le varianti “de novo” risultavano essere significativamente associate al disturbo: in particolare, uno ad “alta confidenza” e altri tre “probabili”.

 

 

 
 
 

In breve

LE AREE DEL CERVELLO INTERESSATE

Secondo i ricercatori sono coinvolte nello sviluppo della sindrome di Tourette le varianti del gene WWC1 o KIBRA, che gioca un ruolo nello sviluppo del cervello, nella memoria e nella risposta cerebrale all’ormone estrogeno; dei geni FN1 e CELSR3, noti per essere coinvolti nello sviluppo del circuito cerebrale, e del gene NIPBL o Delangin, che risulta associato ad ansia, disturbi ossessivo-compulsivi e al disturbo da deficit di attenzione/iperattività (Adhd).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba con la scabbia: potrebbe aver contagiato il fratellino?

28/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La scabbia è contagiosissima, quindi è possibile che tutto il nucleo familiare la sviluppi, compresi quindi i piccolissimi.   »

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti