Soffocamento bambini: le manovre salvavita

Elisa Carcano A cura di Elisa Carcano Pubblicato il 27/12/2018 Aggiornato il 28/12/2018

 Due casi fatali in pochi giorni: una bambina di 5 anni soffocata da un pezzettino di würstel e una di appena 22 mesi da uno gnocco. Eppure molte tragedie sarebbero evitabili con le manovre salvavita

Soffocamento bambini: le manovre salvavita

Il soffocamento nei bambini è la seconda causa di morte dopo gli incidenti stradali da 0 a 4 anni. Ecco un decalogo dei pediatri con le manovre da fare in caso di soffocamento nei bambini da leggere e imparare prima che possa succedere qualcosa… perché anche una caramella può andare di traverso.  Pochi genitori sanno però come ci si deve comportare in caso di soffocamento nei bambini. La prima regola è che da quando il bambino inizia a muoversi da solo, anche solo “strisciando”, va messa in sicurezza tutta la casa, dalla cucina alla cameretta. Ma può non bastare.

Corsi per le manovre anti-soffocamento

La Fimp, la Federazione italiana medici pediatri, ha deciso di istituire corsi con le manovre anti-soffocamento di un’ora dedicati a tutti coloro che si occupano dei bambini, dai genitori agli insegnanti. Per sapere dove si tengono questi corsi si può consultare il sito: www.fimp.org. In ogni caso, contro il soffocamento nei bambini la Simp ha preparato un decalogo, che dovrebbe essere tenuto a portata di mano da ogni genitore.

Il decalogo della Fimp

1

Non dare ai bambini cibi solidi prima che siano in grado di masticarli e deglutirli, facendo attenzione soprattutto a caramelle e cioccolatini.

2

Non lasciare alla portata dei bambini, se non sono sorvegliati da un adulto, oggetti piccoli che potrebbero incuriosirli: bottoni, perline, spille, monete, giocattoli o oggetti grandi che possano essere smontati in piccole parti.

3

Acquistare giocattoli a norma, adatti per l’età dei figli, facendo attenzione che non si possano rompere o smontare in parti troppo piccole: per i bambini con meno di 10 mesi la sagoma dell’oggetto non deve essere inferiore a 30×50 millimetri, per i bimbi con meno di 3 anni il diametro deve superare i 31,7 millimetri.

4

Se avviene un incidente, non farsi prendere dal panico ma chiamare subito i soccorsi, sia facendo accorrere persone eventualmente nei paraggi che telefonando al 118.

5

In attesa di aiuto, praticare le prime manovre di soccorso; in caso di dubbi, si può restare al telefono con l’operatore del 118 per avere precise indicazioni sul da farsi.

6

Se il bambino ha più di tre anni, si deve sistemare leggermente prono in avanti con la testa verso il basso; quindi si danno 5 colpi decisi con il palmo della mano sulla schiena, in zona centro-laterale.

7

Se così non espelle il corpo estraneo, si deve praticare la cosiddetta manovra di Heimlich: sistemare un pugno sopra l’ombelico, circondarlo con l’altra mano e spingere verso l’interno e in alto contemporaneamente per aumentare la pressione interna al torace e facilitare l’espulsione. La sequenza di colpi alla schiena e manovre va ripetuta fino all’arrivo dei soccorsi.

8

Se il bambino è piccolo cambia la posizione di intervento: ci si deve sedere sistemando il bimbo a faccia in giù sulle gambe, dando colpi sulla schiena dal centro verso l’esterno. Poi deve essere posto su un piano rigido praticando compressioni toraciche simili al massaggio cardiaco. Mai metterlo a testa in giù, perché non ci sono evidenze di efficacia.

9

Se la vittima è incosciente, bisogna aggiungere la rianimazione cardiopolmonare ovvero fasi di respirazione bocca a bocca alternate a un massaggio cardiaco.

10

Una volta superata l’emergenza è comunque consigliabile sottoporre il bimbo a un controllo medico, per verificare per esempio che non vi sia una polmonite ab ingestis provocata dal corpo estraneo rimasto nelle vie aeree.

In breve

OCCHIO A CARAMELLE, MONETE, PALLONCINI SGONFI

I cibi più a rischio di soffocamento sono le caramelle, i pezzetti di carne, i chicchi d’uva e le noci. Fra gli oggetti, ai primi posti degli articoli rischiosi si trovano le monete e i palloncini sgonfi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Quarto cesaeo: quali pericoli?

24/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Di fatto una quarta gravidanza dopo tre parti cesarei può presentare delle complicazioni che richiedono un controllo attento.   »

Incinta a 42 anni: quali rischi?

20/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

E' possibile che una gravidanza che inizia in età avanzata non vada a buon fine escusivamente per questioni anagrafiche, ma lo è anche che tutto proceda per il meglio.  »

Fai la tua domanda agli specialisti