Solari per bambini: quali sono i migliori?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/06/2014 Aggiornato il 18/06/2014

I solari per bambini devono offrire massima protezione ma con delicatezza per evitare ogni rischio sotto il sole

Solari per bambini: quali sono i migliori?

I piccoli possono stare al sole? È la domanda che si fanno tutte le mamme… I dermatologi rispondono “sì”, a patto che la loro pelle sia sempre protetta dai solari per bambini e che vengano prese le giuste precauzioni.

Il sole fa bene

È importante innanzitutto sapere che il sole fa bene ai piccoli: stimola l’organismo a produrre la vitamina D, indispensabile per far sì che il calcio introdotto con gli alimenti si fissi alle ossa rendendole più elastiche e forti e permettendo una crescita sana dell’apparato scheletrico. In più modula in senso positivo l’umore, migliora il sonno, stimola il sistema immunitario rendendo più forti e “disinfetta” la pelle migliorando gli eczemi, la crosta lattea e la dermatite atopica.

Ma può fare anche danni

Prendere il sole può avere però anche un risvolto negativo, soprattutto se senza solari per bambini, con il rischio scottature e non solo. La pelle dei piccoli infatti è molto sottile e poco protetta dai raggi Uv perché non ha ancora sviluppato la capacità di produrre melanina, il pigmento che colora la cute e che funziona come barriera protettiva contro le radiazioni.

Solo con protezione

I piccoli, sopra l’anno di età, possono stare quindi al sole ma nelle ore meno calde e soprattutto con la protezione dei solari per bambini che offrono uno schermo contro i raggi limitando il rischio di scottature e contrastando i danni profondi al Dna cellulare provocati dai raggi Uva e Uvb.

I migliori per i piccoli sono quelli studiati per loro

Ma quali sono i solari giusti per i bimbi? Innanzitutto quelli specifici per loro che combinano in genere filtri fisici e filtri chimici (i primi sono sostanze come il biossido di titanio in grado di riflettere la radiazione solare, i secondi sono molecole che assorbono l’energia solare e la restituiscono a un più basso livello energetico) per offrire massima protezione alla cute sottile e fragile dei bambini.

Senza elementi allergizzanti

Altra caratteristica dei solari per i piccoli è quella di limitare al massimo la presenza di sostanze potenzialmente allergizzanti come il profumo e di arricchire la formula con principi attivi addolcenti e lenitivi come l’aloe, la vitamina B5, l’acqua termale, il bisabololo.

Con protezione alta e piacevoli da applicare

Il giusto fattore di protezione? Quello più alto, il 50+, per contenere al massimo il rischio di scottature. Solo a fine stagione se il bimbo ha una pelle che si è irrobustita e leggermente scurita si può scendere a un fattore 30. Oltre che efficaci, i solari per i piccoli devono essere anche piacevoli e pratici da applicare, con consistenze delicatissime che non lasciano traccia, non appiccicano e non attirano la sabbia neppure se i bimbi si rotolano sul bagnasciuga.

In breve

EFFETTI ANCHE A DISTANZA DI ANNI

L’esposizione prolungata e non corretta al sole può provocare scottature che fanno danni nell’immediato ma anche in futuro: è stato stabilito infatti che la cute conserva una “memoria” delle ustioni che possono, in alcuni particolari casi ed insieme ad altri co-fattori, predisporre all’insorgenza di tumori cutanei in età adulta.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti