Sport per i bambini: meglio il nuoto, il calcio o la ginnastica?

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 05/07/2019 Aggiornato il 05/07/2019

Lo sport per i bambini è molto importante per lo sviluppo psico-fisico, ma ci sono dei tempi che vanno rispettati. Ecco i consigli dei pediatri

Sport per i bambini: meglio il nuoto, il calcio o la ginnastica?

L’esercizio fisico è uno dei pilastri, insieme al buon sonno e a una corretta alimentazione, per garantirsi una buona salute a partire dall’infanzia. Ma non tutti gli sport per i bambini possono essere praticati indistintamente a ogni età: se, per esempio, il nuoto può essere praticato sin dai primi anni di vita, il calcio e le arti marziali sarebbe invece bene non iniziarli prima dei sei anni. Ogni età ha il suo sviluppo psico-motorio e, di conseguenza, il suo sport.

Per uno sviluppo armonico

Per garantire uno sviluppo armonico lo sport per i bambini va scelto tenendo conto dell’età, “privilegiando nei primi 4-5 anni sport che favoriscono la conoscenza del proprio corpo nello spazio e fino ai 7-8 anni le attività individuali quali atletica leggera o ginnastica, che aiutano a migliorare la coordinazione neuromotoria – spiega Attilio Turchetta, esperto della Società italiana di pediatria per le attività sportive – e solo in seguito sport di squadra e discipline più specializzate”. Ecco allora una piccola guida alla scelta realizzata dalla Società italiana di pediatria, divisa per età.

Dai 3 anni

Il nuoto utilizza tutte le grandi masse muscolari, non espone il bambino a particolari traumi dell’apparato locomotore, non è condizionato dal clima e si può praticare in tutte le stagioni. Inizio dell’attività agonistica: 8 anni.

Dai 4 anni

Lo sci è uno sport che può essere iniziato sin da piccoli perché il bambino ha il baricentro basso, ottima stabilità e apprende con facilità i movimenti. Inizio dell’attività agonistica: 11 anni.

Dai 5 anni

La ginnastica esalta la coordinazione neuromuscolare e il controllo del corpo. Attenzione, però: poiché l’età della pratica agonistica è precoce i carichi di lavoro e la durata dell’allenamento possono essere gravosi. Inizio dell’attività agonistica: 8 anni. L’atletica leggera, oltre a utilizzare tutti i gruppi muscolari e garantire così un buon sviluppo fisico, si può praticare all’aria aperta, sotto forma di gioco, dai 5 anni. Inizio dell’attività agonistica: 12 anni.

Dai 6 anni

Per quanto riguarda il calcio, si inizia con la grandezza del campo ridotta, porte più piccole e senza divisione di ruoli. Dagli 8-10 anni gli allenamenti si fanno più strutturati; la preparazione atletica per un allenamento anche degli arti superiori non dovrebbe mai essere dimenticata. Inizio dell’attività agonistica: 12 anni. Rugby: fino ai 12 anni il contatto, placcaggi e mischie sono regolamentati per evitare i traumi. Lo spirito di squadra viene coltivato, il rispetto dell’avversario è una componente essenziale. Inizio dell’attività agonistica: 12 anni.

Dai 6-7 anni

Le arti marziali sviluppano il controllo muscolare, la coordinazione, la tecnica del respiro. C’è attenzione al rispetto delle regole e dell’avversario. Inizio dell’attività agonistica: 12 anni. Basket e pallavolo sviluppano tutti i gruppi muscolari ed esaltano la coordinazione neuromotoria. Inizio dell’attività agonistica: basket 11 anni; pallavolo 10 anni.

Dai 7-8 anni

In entrambi questi sport il binomio con la preparazione atletica è obbligatorio per correggere eventuali asimmetrie di sviluppo muscolare. Inizio dell’attività agonistica: tennis 8 anni; scherma 10 anni.

Dagli 8 anni

Il ciclismo sviluppa la funzione cardiorespiratoria. Necessita però di allenamento atletico di compenso per bilanciare il lavoro effettuato prevalentemente dagli arti inferiori. Inizio dell’attività agonistica: 13 anni.

 

 

Da sapere!

I bambini di età tra uno e quattro anni, secondo le ultime raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità, dovrebbero praticare almeno 180 minuti di attività fisica libera ogni giorno.

 

Fonti / Bibliografia

  • SIP - Società Italiana di PediatriaLa Società Italiana di Pediatria promuove e tutela la salute fisica e psichica del neonato, del bambino e dell’adolescente, di ogni cultura ed etnia
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti