Strabismo nei bambini, curabile già dai 18 mesi

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 14/01/2020 Aggiornato il 14/01/2020

Lo strabismo è una patologia e che comporta un non corretto allineamento degli occhi. Può presentarsi a ogni età ed essere causa o conseguenza di un calo della vista. Quando interessa i bambini, è consigliabile intervenire già dai 18 mesi di vita

Strabismo nei bambini, curabile già dai 18 mesi

Lo strabismo è un difetto dovuto a un non corretto funzionamento dei meccanismi che regolano i movimenti degli occhi. Comporta un disallineamento dei bulbi oculari e può colpire chiunque. Quando, però, colpisce bambini molto piccoli, il consiglio di Emilio Campus, consigliere della Società Oftalmologica Italiana (Soi) e direttore della clinica oculistica Università di Bologna, è quello in intervenire il prima possibile.

Importante la diagnosi tempestiva

Nei bambini lo strabismo è curabile già dai 18 mesi di vita. Come sottolinea Campus, questo difetto non permette una corretta visione e cognizione della tridimensionalità delle cose. Per diagnosticarlo è sufficiente coprire un occhio alla volta e valutare la sicurezza con cui il piccolo afferra un oggetto. Se si dovesse notare una certa mancanza di sicurezza, è bene sottoporlo a una visita oculistica.

Quanto incide sul calo della vista

Inoltre, è importante chiarire come il rapporto tra strabismo e calo della vista non sia unilaterale, ma di reciproca consequenzialità. Lo strabismo può essere dettato da un calo della vista, così come il calo della vista è causato dallo strabismo. Non siamo dunque al cospetto di un mero inestetismo, ma di una vera e propria patologia che può derivare – o essere essa stessa la causa – di una minore qualità della vista: con evidenti ripercussioni anche sulla qualità della vita.

Intervenire prima dei due anni

Per i bambini affetti da strabismo, l’esperto consiglia di non aspettare troppo. Se non attuati in tempo, infatti, i semplici interventi correttivi molto efficaci in tenera età, rischiano di non restituire lo stesso effetto. È quindi consigliabile intervenire già prima del secondo anno di vita, con azioni correttive che possono essere messe in atto tra i 18 e i 24 mesi. Le cure devono portare al corretto coordinamento degli occhi, così da migliorare la vista ed evitarne un peggioramento.

 

 

Da sapere!

Lo strabismo colpisce circa il 5% della popolazione. L’azione correttiva varia a seconda dei casi, passando dal semplice utilizzo di occhiali fino ad arrivare all’intervento chirurgico.

 

Fonti / Bibliografia
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti