Tablet & bambini: ecco le regole

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/12/2016 Aggiornato il 13/12/2016

No all'uso indiscriminato di tablet e smartphone nella prima infanzia e anche dopo. Gli esperti illustrano le regole per un utilizzo sensato della tecnologia

Tablet & bambini: ecco le regole

Esistono regole ideali per limitare l’uso dei dispositivi tecnologici, come smartphone e tablet, da parte dei bambini? Da oggi sì, grazie a Jenny Radesky, pediatra all’Università del Michigan. Prima regola d’oro: smartphone, tablet e PC vanno tenuti ben lontani dai piccolissimi. Ovvero, prima dei 18 mesi non dovrebbero nemmeno essere presi in considerazione dal bambino e, poi, fino ai due anni di età del piccolo “usati” con estrema moderazione , ovviamente, con la supervisione dell’adulto.

I piccolissimi

Oggi capita di vedere bambini di un anno giocare anche per molto tempo con il telefono o il tablet di mamma e papà: nulla di più sbagliato. Fino ai due anni, ammoniscono gli esperti, l’uso dei dispositivi tecnologici va centellinato, se non evitato del tutto. Gli schermi e le loro luci non fanno bene allo sviluppo del bambino e all’equilibrio del suo sistema nervoso.

Dai 2 ai 5 anni

Dai due ai cinque anni di età del bambino, inoltre, l’uso di smartphone & Co. dovrebbe essere limitato a non più di un’ora totale giornaliera. E, in questo limite, è compresa anche la televisione. In tal senso, i contenuti rivestono un’importanza primaria e vanno scelti insieme puntando sulla qualità e sull’adeguatezza all’età del piccolo.

Dai 6 anni

Dai 6 anni di età in su si passa alla fase più critica nella regolamentazione dei dispositivi tecnologici. Infatti, l’interazione con coetanei o fratelli maggiori, nonché una maggior destrezza nell’uso e nella lettura, possono portare il bambino a desiderare di trascorrere molto tempo davanti ai media. Invece, va stilato un vero e proprio piano-famiglia con tanto di regole scritte e limiti ben fissati. Tutto ciò anche per non sottrarre tempo allo studio e allo svolgimento dei compiti.

Gioco e sport

In generale, i pediatri sottolineano l’importanza del gioco creativo, dello sport e delle relazioni sociali reali per una crescita serena e sana del bambino.

 

 

 

 

In breve

NON DEVE SOTTRARRE TEMPO ALLE ATTIVITA’ TRADIZIONALI

L’uso dei dispositivi tecnologici da parte dei bambini va regolamentato per lasciare lo spazio sufficiente al gioco creativo, all’attività sportiva e all’interazione reale con coetanei. Spesso, purtroppo sostituita da rapporti virtuali e sedentari.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti