Tallonite nei bambini: attenzione ai salti!

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 27/08/2018 Aggiornato il 27/08/2018

I bambini sono molto soggetti alla tallonite, specie se praticano attività sportive che comportano salti. Ecco le regole per proteggerli

Tallonite nei bambini: attenzione ai salti!

Corse sulla battigia, saltelli fra le onde, arrampicate in alta quota: in genere, l’estate è una stagione particolamente intensa per i bambini e i ragazzi, che in vacanza tendono a essere più attivi del solito. Di conseguenza, corrono un rischio più elevato del normale di incappare in qualche problema neuromuscolare. Tallonite in primis. Si tratta, infatti, di un disturbo frequente in chi pratica molto sport. Ma con le giuste accortezze può essere risolto senza conseguenze.

Dolore al calcagno

La tallonite, chiamata anche malattia di Sever-Blanke-Haglund, è una condizione che può colpire uno o entrambi i piedi e che si manifesta con la comparsa di un tipico dolore sotto al calcagno. Alla base c’è un accrescimento osseo del calcagno particolarmente rapido, che va a sovrastare quello di muscoli e tendini. “Quindi, proprio i tendini, che divengono relativamente più corti, stringono l’area attorno al calcagno e sottopongono la zona di inserzione del tendine d’Achille a maggiori stress, rendendola meno flessibile e più facilmente infiammabile” ha spiegato Guido La Rosa, responsabile dell’Unità operativa di ortopedia dell’ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. 

Più colpiti i maschi

La tallonite è frequente soprattutto nei bambini maschi di 8-10 anni. I più soggetti al problema sono i bambini che praticano attività sportive, specie quelle che prevedono molti salti. Gli sport più a rischio? Calcio, ginnastica, danza. Anche il sovrappeso rappresenta un fattore predisponente importante: infatti, comporta una pressione eccessiva a livello dei piedi e del calcagno.

Serve il riposo

Solitamente, in presenza di una tallonite, il pediatra consiglia molto riposo. Infatti, il dolore peggiora quando si sta in punta di piedi, mentre si risolve appunto con il riposo. Molto indicate anche le applicazioni di ghiaccio. In caso di necessità, può essere consigliabile ricorrere a farmaci antidolorifici, come il paracetamolo, per qualche giorno. “Può essere utile anche l’uso di talloniere morbide antishock. Il dolore può tuttavia recidivare quando si torna alla normale attività fisica soprattutto se persiste la condizione di sovrappeso” aggiunge l’esperto.

Nuoto in alternativa

Se nonostante tutte le precauzioni, la tallonite non migliora e, anzi, il dolore si protrae anche per cinque-sei mesi, è bene interrompere l’attività sportiva. Al massimo, si può concedere al bambino qualche lezione di nuoto a bassa intensità. Il problema, in genere, scompare da solo al termine dell’accrescimento, intorno ai 15 anni.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Talvolta, la tallonite può evolvere nello sperone calcaneare posteriore o malattia di Haglund dell’adulto: in pratica, il normale profilo anatomico del calcagno si altera, peggiorando la qualità di vita. In questi casi, può essere necessario l’intervento chirurgico.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti