Threenager, chi sono i piccoli adolescenti di 3 anni

Francesca Scarabelli A cura di Francesca Scarabelli Pubblicato il 16/04/2024 Aggiornato il 16/04/2024

Molti genitori non fanno in tempo a tirare un sospiro di sollievo per la fine dei terrible two che si trovano ad avere a che fare con un threenager, cioè con un adolescente di tre anni. Come gestire la situazione?

Threenager

Molti genitori alle prese con i “terribili due”, cioè la fase di profondo cambiamento che sperimentano quasi tutti i bimbi verso i due anni, aspettano solo la fine di questo periodo per tirare un sospiro di sollievo. Quello che probabilmente non sanno è che subito dopo potrebbero avere a che fare con un threenager, cioè un adolescente di tre anni. Questa parola che fa parte del linguaggio colloquiale inglese unisce infatti i termini “three” (cioè tre) e “teenager”, adolescente. Questo termine di solito indica un bimbo di tre anni che mostra atteggiamenti da adolescente, come ad esempio rabbia, frustrazione, impertinenza, aggressività e comportamenti dispotici e provocatori. Molti esperti sostengono che a tre anni i bimbi stiano cominciando il loro lungo percorso verso l’indipendenza: di solito amano imitare adulti e amichetti più grandi, tendono ad arrabbiarsi per i cambiamenti della loro routine, cominciano a sviluppare le basi del linguaggio e a rispettare alcune regole di comportamento. Questa consapevolezza di “saper fare” li porta a voler essere più indipendenti, un desiderio che però si scontra con il bisogno oggettivo dei suoi genitori e con una mancanza di capacità di autoregolamentazione. Vediamo insieme di cosa di tratta, come affrontare questa fase e quanto dura!

L’identikit del threenager

Vi state chiedendo come riconoscere un threenager? Ci sono alcuni segnali che possono indicarcelo:

  • il piccolo ha difficoltà a esprimere e gestire forti emozioni e questo spesso si traduce in urla e pianti;
  • pone continuamente domande agli adulti. Quella preferita potrebbe essere “perché?”;
  • rifiuta di svolgere alcuni compiti per lui faticosi;
  • si oppone alle regole;
  • si rifiuta di fare il sonnellino pomeridiano perché ormai si sente grande;
  • vuole scegliere gli abiti da indossare senza imposizioni da parte dei genitori e li confronta con quelli degli altri;
  • ha una certa tendenza a combinare guai;
  • vive in bilico tra la voglia di sperimentare e il bisogno di sicurezza dato dai genitori.
Threenager

Foto di yohoprashant da Pixabay

Quanto dura la fase threenager?

Quella da threenager è una fase di crescita fisiologica, ma non tutti i bambini la manifestano con la stessa intensità. Non si può nemmeno indicare una tempistica valida per tutti, anche se nella maggior parte dei casi inizia e finisce nel giro di pochi mesi o di un anno al massimo, anche se a volte si può prolungare anche oltre: molto dipende dal carattere del bimbo e dalla sua capacità di autocontrollo.

Come gestire i threenager e come comportarsi

Molti genitori si trovano spiazzati di fronte a questi comportamenti da parte del loro bambino. Ci sono alcuni consigli che si possono mettere in pratica per gestirli al meglio, anche se ogni famiglia dovrà trovare la propria strategia:

  • rispondere con spiegazioni corrette e pazienti a tutti i “perché?” del proprio bambino;
  • cercare di insegnare a piccoli passi l’autocontrollo, ad esempio chiedendogli di aspettare con pazienza il proprio turno mentre si gioca;
  • stabilire una routine che aiuti a rendere più tranquille e serene le giornate;
  • lasciargli del tempo per giocare e per esprimere liberamente la sua fantasia;
  • coinvolgere il bambino nelle attività degli adulti con piccoli compiti alla sua portata;
  • stabilire poche regole chiare, condivise con tutta la famiglia e da rispettare in maniera tassativa;
  • incoraggiare il bambino ad esprimere le proprie emozioni, aiutandolo a trovare le parole per farlo: questo lo farà sentire compreso e accolto;
  • evitare reazioni eccessive da parte degli adulti, anche nei momenti di esasperazione: critiche severe e dure punizioni possono infatti provocare l’effetto opposto, inasprendo gli atteggiamenti provocatori del bimbo;
  • cercare di essere empatici e pazienti, comprendendo il momento difficile che il piccolo sta vivendo;
  • dare il buon esempio mantenendo la calma e la tranquillità anche di fronte agli atteggiamenti più provocatori e ribelli.

Foto di copertina di IamFOSNA da Pixabay

 
 
 

In breve

Avete mai sentito parlare di threenager? Sono bambini di tre anni che hanno però atteggiamenti da adolescenti ribelli, dettati dalla loro voglia di sperimentare e di “fare cose da grandi”. Ecco cosa sapere.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti