Tosse nei bambini: cause e rimedi per quella grassa e secca

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 30/01/2012 Aggiornato il 30/01/2012

Prima o poi, compare sempre la tosse nei bambini, anche se molti piccoli. Può essere grassa o secca, ma si può alleviare

Tosse nei bambini: cause e rimedi per quella grassa e secca

La tosse nei bambini è un disturbo fastidioso che può incidere sul sonno del piccolo e, a volte, provocargli anche conati di vomito. Per questo è tra le cause più comuni che spingono il genitore a consultare il pediatra. La tosse nei bambini rientra nel gruppo di tutti i disturbi da raffreddamento, cioè quell’insieme di malattie che colpiscono il sistema respiratorio, diffuse soprattutto nella stagione invernale, come sinusite, faringite, laringite, tracheite. La tosse nei bambini è una difesa naturale del corpo. Ci sono due categorie di tosse: la tosse produttiva (o grassa), provocata dal catarro, e la tosse secca senza catarro.

Quando è grassa

La tosse che serve a liberare le vie aeree da qualche cosa che le ostruisce, come il catarro, è detta tosse grassa. In pratica, la tosse grassa è un meccanismo di difesa messo in atto dall’organismo del bebè. La causa più frequente della tosse grassa in un bambino è il raffreddore: il piccolo non è in grado di espellere il muco, che scola quindi nel retro-faringe, dove innesca il riflesso della tosse che mira a rimuoverlo. Questo tipo di tosse in genere si calma una volta liberato il nasino dal muco. Soprattutto se è presente catarro, la tosse grassa diventa utile a rimuoverlo, e perciò va lasciata passare da sola, somministrando al limite dei mucolitici o del vapore, in base all’indicazione del pediatra. Sono molto utili anche i lavaggi nasali con soluzione fisiologica e, quando l’età lo permette, l’inalazione caldo-umida (aerosol) perché, apportando liquidi, hanno un effetto emolliente locale sulle secrezioni e ne facilitano l’eliminazione.

Quando è “secca”

Deriva da un bruciore della gola o da un’irritazione delle parti più alte dei bronchi. Può infastidire molto il bambino, rendendo difficile il sonno e interferendo anche con l’alimentazione. La tosse è secca ai primi stadi dell’infiammazione, poi in genere le mucose irritate producono muco e la tosse cambia caratteristiche, diventando grassa. È il pediatra che deve individuare le cause della tosse secca. Quando permane secca e stizzosa, bisogna pensare a un’allergia

:

in questo caso spesso sono presenti anche sibili durante la respirazione. La tosse può apparire secca anche durante un episodio broncopolmonitico, perché il catarro è così profondo che dall’esterno non si sente. I sedativi della tosse possono offrire sollievo, ma devono essere assolutamente prescritti dal pediatra. In ogni caso, oltre a pensare a calmare gli attacchi di tosse, occorre rimuovere la causa irritativa che ha scatenato l’episodio.

Se dura a lungo

La tosse, sia grassa sia secca, è uno dei disturbi più recidivi, ovvero è lenta a guarire e può accompagnare il bambino per giorni. In ogni caso, se la tosse persiste bisogna rivolgersi al pediatra. Se la tosse è catarrosa può essere il campanello di allarme di una sinusite; se la tosse è secca a lungo andare può nascondere un’allergia; se, invece, assume un tono metallico e canino può significare che è in corso una laringite o che vi è la presenza di un corpo estraneo.

In breve

La tosse: una difesa naturale del corpo

Può essere secca se dipende da un’irritazione della parte alta dei bronchi o da un bruciore della gola oppure grassa se il bambino non riesce a espellere il muco che scola quindi nel retro faringe. In entrambi i casi, la tosse è un meccanismo di difesa dell’organismo del bambino. Possono essere utili i lavaggi nasali e, nei casi più seri e persistenti, dei sedativi della tosse che devono, però, essere assolutamente prescritti dal pediatra.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti