Tricotillomania: cosa vuol dire se il bambino si strappa i capelli? Perché succede?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 10/01/2024 Aggiornato il 10/01/2024

La tricotillomania è un disturbo che spinge il bambino a strapparsi capelli e peli, spesso per controllare forme di ansia. Vediamo insieme come affrontarlo e come agire.

Tricotillomania: cosa vuol dire se il bambino si strappa i capelli? Perché succede?

La tricotillomania, ossia il gesto di strapparsi i capelli e i peli del viso, è un fenomeno che può colpire sia adulti che bambini. Secondo gli esperti, si tratta di un disturbo sottostimato, perché spesso i genitori ritengono che il tirarsi i capelli sia un gesto innocuo o poco più di un tic. In realtà, è bene non sottovalutare il problema. La tricotillomania può infatti esporre la capigliatura del bambino a problemi di diradamento. Non solo: nasconde forme di ansia che è opportuno affrontare.

Tricotillomania cos’è?

Tricotillomania è un termine che deriva dal greco antico e significa “abitudine a giocherellare con i peli”. Chi ne è soggetto, infatti, in modo più o meno conscio fa il gesto di afferrare i propri capelli, quasi sempre nello stesso punto, tirandoli con forza e spesso strappandoli lungo il fusto o alla radice. Soffre dello stesso problema anche il bambino che si accanisce contro i peli delle sopracciglia e delle ciglia, tirandoli e strappandoli. Esistono diversi livelli di tricotillomania: nei casi più lievi, che spesso passano inosservati, sembra solo che il bambino giocherelli in modo del tutto innocuo. Nelle forme più serie, i capelli vengono strappati alla base oppure spezzati lungo il fusto e spesso il piccolo si accanisce anche contro ciglia e sopracciglia. Il bambino può arrivare addirittura a ingerire i propri capelli o peli. Una variante della tricotillomania è strappare o tagliare le frange dei tappeti o degli arredi, la pelliccia dei giocattoli di peluche e così via.

Le cause della tricotillomania

La tricotillomania insorge spesso nell’infanzia, tra i 2 e i 6 anni di età. È bene che i genitori non sottovalutino questo comportamento, senza tuttavia preoccuparsi eccessivamente. Nei bambini, infatti, è raro che la tricotillomania nasconda un problema serio. Per certi aspetti, il problema può essere avvicinato all’abitudine dei bambini di mangiarsi le unghie.

  • Se un piccolo si rosicchia le unghie, mamma e papà spesso si preoccupano che il figlio nasconda problemi di ansia, oppure che rischi infezioni alle mani. Al contrario, vedere il bambino che gioca con peli e capelli del proprio corpo, strappandoli, viene spesso scambiato per un vezzo. I due atteggiamenti hanno invece una base comune, che si può avvicinare, alla lontana, al disturbo ossessivo-compulsivo o Doc.
  • In entrambi i casi si tratta infatti di un atteggiamento consolatorio da parte del bambino che, attraverso gesti ripetuti sul proprio corpo, cerca di dare sicurezza a se stesso. Questo si verifica soprattutto nelle situazioni che provocano ansia e stress al bambino: una visita medica, per esempio, o l’ingresso in una nuova scuola.

Le conseguenze della tricotillomania

L’abitudine di strapparsi i capelli e i peli non va mai sottovalutata, anzi. Questo disturbo può infatti avere due conseguenze negative. Vediamo qui di seguito quali sono.

I capelli non ricrescono

La capigliatura si indebolisce e possono comparire vere e proprie aree glabre sul cuoio capelluto e nella zona di ciglia e sopracciglia, dove i peli, a forza di essere strappati, non ricrescono più. La perdita dei capelli, in particolare, chiamata alopecia  può essere una conseguenza di questo problema e avere ripercussioni negative sul benessere dei bambini.

L’ansia non si risolve

I bambini che praticano tricotillomania possono avere problemi di ansia che non riescono a gestire, in determinate situazioni. Trascurare queste sensazioni infantili significa non aiutare il bambino ad affrontare timori o paure che possono incidere sulla loro serenità anche più avanti nel tempo.

Cause e rimedi della tricotillomania nei bambini

È possibile affrontare la tricotillomania in diversi modi, a seconda della serietà del problema. I genitori dovrebbero, in primo luogo, rivolgersi al pediatra, che rappresenta un punto di riferimento essenziale, segnalandogli eventuali atteggiamenti che possono far pensare a un problema di tricotillomania.

  • Se il disturbo è lieve, non compaiono segni di caduta dei capelli e il bambino è comunque abbastanza tranquillo, è bene coinvolgere, oltre al pediatra, le educatrici e le insegnanti, per cercare di fare squadra dietro al bambino e supportarlo con affetto e rinforzi positivi nelle situazioni che gli scatenano l’ansia.
  • Se la tricotillomania è più evidente e costante, può essere utile far seguire al bambino un percorso di terapia cognitivo-comportamentale a misura della sua età. Questo trattamento consiste nell’insegnare al bambino alcune tecniche da mettere in pratica quando avverte ansia e tensione, per evitare di scaricarle su se stesso e in particolare sui propri capelli.
  • Nei casi più seri, quando nemmeno la psicoterapia si rivela efficace, il pediatra può suggerire l’intervento di un neuropsichiatra infantile per valutare se esista il rischio di un disturbo ossessivo-compulsivo. Nel caso si siano già verificati danni ai capelli e ai peli di ciglia e sopracciglia può essere utile anche che il piccolo venga seguito da un dermatologo.

Foto di Bessi da pixabay.com

 

In breve

Un bambino è affetto da tricotillomania quando cerca di scaricare l’ansia e lo stress, strappandosi i capelli o le ciglia e le sopracciglia. In questo modo può favorirne una caduta precoce (alopecia) senza peraltro risolvere i suoi problemi di insicurezza. E’ bene, quindi, parlarne con il pediatra.

 

Fonti / Bibliografia

  • Tricotillomania - Società Italiana di TricologiaTRICOTILLOMANIA Dott.ssa Fernanda Favotto       Il termine TRICOTILLOMANIA fu introdotto da Hallopeau nel 1889 per definire un’abitudine compulsiva che induce a strapparsi ripetutamente peli o capelli. La sede più frequentemente interessata è il cuoio capelluto; altre sedi, meno colpite, sono le sopracciglia, le ciglia ed, in casi molto rari, l’area pubica. La tricotillomania è
  • Tricotillomania. Cause, sintomi e conseguenzeLa tricotillomania è caratterizzata da frequenti episodi durante i quali il soggetto si strappa compulsivamente capelli e peli dal corpo.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti