Tubercolosi: un farmaco a misura di bambino

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 25/01/2016 Aggiornato il 25/01/2016

Esiste una formulazione che risolve i problemi delle dosi approssimative relative dei farmaci per la tubercolosi prescritti ai bambini

Tubercolosi: un farmaco a misura di bambino

Un milione di bambini nel mondo si ammala ogni anno di tubercolosi e 140 mila muoiono. La cura esiste, ma finora le dosi per i bambini erano approssimative e spesso sottostimate. Inoltre, la somministrazione delle pastiglie risultava difficile, anche per il gusto amaro del medicinale.

Dolce e solubile

Grazie all’operato dell’organizzazione no profit TB Alliance e di altri partner, arriva oggi un medicinale che ha una formulazione solubile dal gusto addolcito. Si tratta di una combinazione a dose fissa dei tre farmaci più utilizzati contro la tubercolosi: rifampicina, isoniazide e pirazinamide. La cura per la tubercolosi esiste e non è costosa dura sei mesi (due con i tre farmaci e poi con solo due, rifampicina e isionazide) ma finora le dosi per i bambini non erano molto precise (per lo più venivano usate pastiglie per adulti schiacciate o tagliate) e molto spesso sottostimate. Inoltre, la somministrazione era piuttosto complicate a causa delle diverse pastiglie da far inghiottire e per il gusto amaro del medicinale.

Gli obiettivi dell’Oms

Mario Raviglione, direttore del Global TB Programme dell’Oms, ha sottolineato che, anche se stiamo andando verso l’eradicazione della tubercolosi entro il 2030, come da target dei nuovi Obiettivi sostenibili del Millennio, è necessario assicurare ai bambini diagnosi e cure appropriate. In questi ultimi tre anni TB Alliance ha lavorato con le aziende farmaceutiche per questo tipo di medicinale combinato adatto ai più piccoli, sulla base di un progetto di Unitaid, l’organizzazione dell’Onu per l’innovazione nella salute (Hiv-Aids, malaria e tubercolosi). Unitaid e Usaid, l’agenzia degli Stati Uniti contro le emergenze globali, hanno anche lavorato per raggiungere e superare le barriere di mercato. L’Oms da parte sua ha già messo a disposizione la formulazione pediatrica sotto il meccanismo dell’Expert Review Panel, già utilizzato in molti Paesi.

 

 

In breve

NON ABBASSARE LA GUARDIA

Nonostante alcuni progressi, e nonostante sia una malattia curabile, la Tbc rimane un rilevante problema di salute pubblica a livello mondiale e una delle malattie trasmissibili con mortalità più elevata. Inoltre, la percentuale di casi multiresistenti di tubercolosi è rimasta sostanzialmente invariata e continua a rappresentare una grave minaccia.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti