Tubercolosi: un farmaco a misura di bambino

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/01/2016 Aggiornato il 25/01/2016

Esiste una formulazione che risolve i problemi delle dosi approssimative relative dei farmaci per la tubercolosi prescritti ai bambini

Tubercolosi: un farmaco a misura di bambino

Un milione di bambini nel mondo si ammala ogni anno di tubercolosi e 140 mila muoiono. La cura esiste, ma finora le dosi per i bambini erano approssimative e spesso sottostimate. Inoltre, la somministrazione delle pastiglie risultava difficile, anche per il gusto amaro del medicinale.

Dolce e solubile

Grazie all’operato dell’organizzazione no profit TB Alliance e di altri partner, arriva oggi un medicinale che ha una formulazione solubile dal gusto addolcito. Si tratta di una combinazione a dose fissa dei tre farmaci più utilizzati contro la tubercolosi: rifampicina, isoniazide e pirazinamide. La cura per la tubercolosi esiste e non è costosa dura sei mesi (due con i tre farmaci e poi con solo due, rifampicina e isionazide) ma finora le dosi per i bambini non erano molto precise (per lo più venivano usate pastiglie per adulti schiacciate o tagliate) e molto spesso sottostimate. Inoltre, la somministrazione era piuttosto complicate a causa delle diverse pastiglie da far inghiottire e per il gusto amaro del medicinale.

Gli obiettivi dell’Oms

Mario Raviglione, direttore del Global TB Programme dell’Oms, ha sottolineato che, anche se stiamo andando verso l’eradicazione della tubercolosi entro il 2030, come da target dei nuovi Obiettivi sostenibili del Millennio, è necessario assicurare ai bambini diagnosi e cure appropriate. In questi ultimi tre anni TB Alliance ha lavorato con le aziende farmaceutiche per questo tipo di medicinale combinato adatto ai più piccoli, sulla base di un progetto di Unitaid, l’organizzazione dell’Onu per l’innovazione nella salute (Hiv-Aids, malaria e tubercolosi). Unitaid e Usaid, l’agenzia degli Stati Uniti contro le emergenze globali, hanno anche lavorato per raggiungere e superare le barriere di mercato. L’Oms da parte sua ha già messo a disposizione la formulazione pediatrica sotto il meccanismo dell’Expert Review Panel, già utilizzato in molti Paesi.

 

 

 
 
 

In breve

NON ABBASSARE LA GUARDIA

Nonostante alcuni progressi, e nonostante sia una malattia curabile, la Tbc rimane un rilevante problema di salute pubblica a livello mondiale e una delle malattie trasmissibili con mortalità più elevata. Inoltre, la percentuale di casi multiresistenti di tubercolosi è rimasta sostanzialmente invariata e continua a rappresentare una grave minaccia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti