Vaccinazioni in calo per colpa del Covid-19?

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 12/05/2022 Aggiornato il 12/05/2022

Il 2020, anno dell'inizio della pandemia da Covid-19, ha visto tre milioni di accessi in meno alle vaccinazioni rispetto al 2019. Quali sono le cause all'origine delle vaccinazioni in calo

Vaccinazioni in calo per colpa del Covid-19?

A rivelare il calo di praticamente ogni dato relativo alle campagne vaccinali per la prevenzione di qualsivoglia patologia è il Rapporto Vaccini 2020 presentato dall’Aifa (Agenzia italiana del Farmaco) e condotto in collaborazione con l’Iss (Istituto Superiore di Sanità). Ma le vaccinazioni in calo sono imputabili solo al Covid-19?

Quanti vaccini in meno nel 2020?

I dati dell’Aifa parlano di un calo di circa tre milioni di accessi in meno ai vaccini rispetto al 2019, con venti milioni totali di dosi somministrate per le varie patologie. Diminuiscono, di pari passo le segnalazioni di reazioni avverse, che, con un 30% di casi riferiti agli anni precedenti, si assestano ad appena 5.352 casi. Zero i decessi correlabili. A condizionare il trend in calo per il tasso di segnalazione c’è, come sottolineato dall’Aifa, il minore accesso alle vaccinazioni a causa della pandemia da Covid-19.

Che problemi può dare un vaccino?

Tutte le reazioni avverse sono risultate note e già segnalate nelle informazioni sul prodotto dei vaccini autorizzati nel nostro Paese. Con il Covid-19, il numero effettivo di segnalazioni di effetti avversi è in calo per tutti i vaccini (da quello per il morbillo a quello per la poliomielite, fino a quelli anti-papillomavirus e all’antinfluenzale). Appena 17,9% ogni 100mila dosi somministrate, pari a circa lo 0,018% dei casi, è stata associata a problemi di mal di testa, febbre, irritabilità e reazioni cutanee.

Quanti morti ci sono per il vaccino?

Chiariamolo subito, tra i dati del Rapporto Vaccini 2020 non c’è alcuna morte correlabile a una vaccinazione. Le reazioni più gravi riscontrate in chi ha segnalato problemi si attestano a meno di due casi ogni 100mila somministrazioni (1,9, pari allo 0,0019%), con lo 0,2% delle segnalazioni che hanno portato al decesso del paziente. Nessuna di queste morti è correlabile a una vaccinazione. Le percentuali di classificazione delle reazioni ai vaccini restano simili agli anni precedenti, con l’84,3% di casi non gravi e il restante 15,7% classificato come grave.

 

 

 
 
 

In sintesi

Sono sicuri i vaccini per il COVID-19?

Sì, perché, come spiega il Ministero della Salute, i vaccini vengono autorizzati solo dopo un’attenta valutazione del profilo di sicurezza di ogni paziente, che viene monitorato continuamente anche dopo l’autorizzazione.

Quali sono i vaccini obbligatori in Italia?

Dal 2017, nel nostro Paese, i nuovi nati devono obbligatoriamente sottoporsi a dieci vaccinazioni: antiHaemophilus influentiae B, antimorbillo, antirosolia, antiparotite, antipoliomielitica, antidifterica, antitetanica, antiepatite B, antipertosse e antivaricella.

 

Fonti / Bibliografia

  • notizia | Italian Medicines Agency<p>These data can be found in the 2020 Vaccine Report, published by AIFA. The report describes the vaccine surveillance activities carried out in Italy by the Italian Medicines Agency (AIFA) in collaboration with the Italian National Institute of Health (<i>Istituto Superiore di Sanità</i>) and the Vaccine Signal Analysis Working Group.</p> These data can be found in the 2020 Vaccine Report, published by AIFA. The report describes the vaccine surveillance activities carried out in Italy by the Italian Medicines Agency (AIFA) in...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti