Verruche, che cosa sono, perché vengono e come si curano

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 26/09/2023 Aggiornato il 26/09/2023

Le verruche sono formazioni cutanee causate da un virus. Compaiono più spesso verso l’autunno e si possono eliminare con trattamenti specifici, meglio se effettuati dal dermatologo.

Verruche, che cosa sono, perché vengono e come si curano

Le verruche sono una manifestazione cutanea decisamente fastidiosa che si presenta solitamente proprio nei mesi autunnali. Consistono in formazioni cutanee grigiastre e ruvide, che compaiono in diverse zone del corpo. Non sono un problema serio ma possono causare dolore e, soprattutto, sono abbastanza contagiose. Per questa ragione, le verruche vanno curate in modo appropriato. Ecco come.

Cosa sono le verruche? Possono venire anche ai bambini?

Le verruche sono formazioni di colore rosa, grigiastro o giallognolo che compaiono sulla pelle, in diversi punti del corpo ma localizzate soprattutto a livello di mani e piedi. Fanno parte dei tipici disturbi della pelle dopo l’estate, dal momento che nella stagione calda è normale camminare scalzi sulle spiagge, sulle piastrelle delle piscine, nelle docce pubbliche dei campeggi. La pelle scoperta viene più facilmente a contatto con il virus responsabile delle verruche, a loro volta trasmesse da persone infette. Possono colpire un po’ a tutte le età, ma i bambini ne sono più soggetti.

I diversi tipi di verruche

Le verruche possono essere di diversi tipi e sono classificate in base alle caratteristiche e alla localizzazione.

  • Le verruche comuni solitamente compaiono su mani, dita, gomiti e ginocchia. Si presentano come escrescenze dure, arrotondate, di colore marroncino-grigiastro e con superficie ruvida che presenta puntini neri.
  • Le verruche piane sono piccole e lisce, con sommità piatta e generalmente si localizzano su viso, braccia, mani e ginocchia, isolate oppure in gruppi simili a grappoli.
  • Le verruche plantari sono molto comuni e sono le più fastidiose. Come dice il nome stesso, compaiono sotto le piante dei piedi e nella parte inferiore delle dita. Possono crescere raggiungendo anche grandi dimensioni e sono fastidiose e dolorose, dando l’impressione di camminare su un sassolino.
  • Le verruche filiformi sono sottili protuberanze dello stesso colore della pelle, che si formano nella zona di bocca (anche all’interno), naso, occhi, sopracciglia.
  • Le verruche a mosaico somigliano a crosticine bianche vicine tra loro, solitamente sotto le dita e la pianta dei piedi. Sono piatte e, per questo, non causano dolore durante la camminata.
  • Un particolare tipo di verruche sono i condilomi, che si localizzano nella zona genitale in seguito a rapporti sessuali non protetti con una persona infetta dal virus.

 

Verruche nei bambini: cause e diagnosi

Le verruche nei bambini, come negli adulti, sono causate dal contatto con alcuni ceppi di Hpv, il Papilloma virus umano che è responsabile anche di forme di tumore al collo dell’utero che possono essere prevenute con il vaccino. Si tratta di ceppi di Hpv innocui, che non causano quindi disturbi molto seri. Il virus entra in contatto con la pelle e le mucose in diversi modi, per esempio camminando su superfici dove è passata una persona con verruche, oppure toccando oggetti manipolati da un soggetto affetto o, ancora, utilizzando asciugamani o salviette in comune. Nel giro di qualche settimana (ma anche mese) dal contagio, inizia a formarsi la verruca. Se i genitori notano questa formazione sulla pelle del bambino, dovrebbero parlarne con il pediatra. Spesso la sola visita clinica è sufficiente a fare diagnosi di verruche. Se, però, si desidera essere davvero sicuri, il medico può effettuare un prelievo di un frammento di tessuto, da sottoporre a esame di laboratorio.

Come eliminare le verruche: tutte le cure naturali e non

A volte le verruche scompaiono da sole, in un periodo di tempo che può andare da sei mesi a due anni. In alcuni casi è però opportuno intervenire per facilitarne la guarigione, soprattutto se il bambino sta a contatto con coetanei che può contagiare, oppure se ha una verruca plantare dolorosa, che gli impedisce le normali attività. Su suggerimento del medico, per i bambini più grandicelli è possibile acquistare in farmacia prodotti di automedicazione a base di sostanze che, a poco a poco, favoriscono la scomparsa dell’eruzione cutanea. L’applicazione di questi prodotti va preceduta da un lavaggio attento, per ammorbidire la pelle e favorire la penetrazione del prodotto. In altri casi, è meglio rivolgersi al dermatologo per la rimozione. Questo succede quando la verruca:
 

  • compare in un bambino piccolo;
  • è di tipo plantare, quindi provoca dolore nella camminata;
  • si trova vicino a un occhio oppure alla bocca;
  • la zona è gonfia e soggetta a sanguinamento.

Come interviene il dermatologo

È possibile rimuovere le verruche con diversi sistemi che vanno utilizzati solo dal medico. Un tempo si ricorreva anche all’asportazione chirurgica, oggi praticata più raramente e comunque sconsigliata nel caso di bambini piccoli. Infatti è piuttosto invasiva e richiede una guarigione è più lunga. Ecco le possibili soluzioni.

 

  • La tintura di cantaridina, applicata dal dermatologo in ambulatorio, fa formare vescicole sotto la verruca, facilitandone l’asportazione dopo una settimana, sempre dal medico.
  • La crioterapia con azoto liquido è una cura molto diffusa e praticamente indolore. La verruca viene “congelata” e quindi asportata dopo qualche giorno.
  • L’elettrocauterizzazione, ossia la bruciatura, si utilizza per le verruche filiformi e per quelle di piccole dimensioni. Il curettage (ossia l’asportazione con cucchiaino chirurgico) completa il trattamento, prima o dopo la bruciatura stessa.

I rimedi naturali contro le verruche

Secondo l’aromaterapia, contro le verruche si possono applicare olio di ricino e olio di canfora, in formulazione gel oppure oleosa, oppure l’olio essenziale di Tea tree o di lavanda. Vanno applicati direttamente sulla zona almeno una volta al giorno, per una settimana-dieci giorni.
In fitoterapia, contro le verruche sono efficaci gel oppure unguenti a base di aloe vera, ortica, sanguinaria, celidonia, da applicare una volta al giorno anche in questo caso per almeno una settimana. Nel caso dei bambini piccoli, è meglio chiedere sempre il consiglio del pediatra sull’uso di questi rimedi, attenendosi con scrupolo alle dosi indicate.

 

 
 
 

In breve

In autunno è frequente la comparsa di verruche sulla pelle dei bambini, soprattutto in zona plantare. Il responsabile è un virus della famiglia del Papilloma umano, responsabile di eruzioni cutanee antiestetiche e spesso dolorose. Se il bambino è piccolo, è opportuno far vedere la verruca al pediatra e, se necessario, va rimossa con metodi specifici.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti