Vitamina D, ormone prezioso per i bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/05/2017 Aggiornato il 12/05/2017

La vitamina D in realtà è un ormone che regola il metabolismo del calcio, ecco perché è fondamentale per la crescita dei bambini. Come evitare carenze

Vitamina D, ormone prezioso per i bambini

Nonostante il nome, la vitamina D è un ormone della famiglia degli steroidei, molto importante nel processo di metabolismo del calcio e quindi fondamentale per la crescita nei bambini. A sostenerlo è il dottor Claudio Pagano, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo e professore associato di medicina interna presso l’Università di Padova.

Come assumere la vitamina D

La vitamina D è disponibile sotto diverse forme. Il colecalciferolo, per esempio, noto anche come vitamina D3, viene prodotta  tramite l’esposizione ai raggi solari, oltre ad essere presente nel fegato, nell’olio di pesce e in alcuni pesci come salmone, sardina e aringa. La vitamina D2, ovvero l’ergocarciferolo, si assume invece con il cibo, mentre si ricorre all’uso di altre forme modificate della vitamina D, come calcifediolo e il calcitriolo, soprattutto in caso di ipoparatiroidismo o insufficienza renale cronica.

L’ipovitaminosi D

Il fabbisogno di vitamina D nei bambini deve aggirarsi intorno alle 200 unità. In caso contrario, la sua carenza o deficit in età pediatrica, conosciuta con il nome di ipovitaminosi D, comporta una fragilità alle ossa, ovvero non favorisce la calcificazione ossea nei bambini, aprendo la strada all’osteoporosi in età avanzata.

Sì a sole e integratori

A rischio ipovitaminosi D sono soprattutto i bambini che non sono esposti troppo al sole, i bimbi obesi e quelli con la pelle scura. A tal proposito il presidente della Società italiana di pediatria (Sip), il dottor Alberto Villani, consiglia la profilassi di vitamina D fino al primo anno di vita del bambino, anche se la mamma allatta al seno. Dal primo anno fino ai 18 mesi del piccolo, invece, la  profilassi viene proseguita solo nei bambini non caucasici e con carnagione scura, che soffrono di celiachia, obesità, epatite cronica o insufficienza renale, malattie capaci di interferire con l’assorbimento della vitamina D, o che seguono una dieta vegana.

 

 

 

 

 
 
 

In breve

CHI RISCHIA DI PIU’

A soffrire di deficit da vitamina D sono soprattutto coloro che soffrono di celiachia o altre malattie infiammatorie croniche, patologie che interferiscono con l’assorbimento della vitamina D o che, per problemi di pelle, non possono esporsi al sole, possiedono la pelle scura, non espongono il corpo al sole oppure usano sempre protezioni solari molto elevate.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti