Vitamina D: tutti al sole per farne il pieno

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 26/01/2016 Aggiornato il 26/01/2016

I bambini italiani risultano carenti di vitamina D: colpa di troppe ore trascorse in casa e di uno scarso apporto con la dieta. I consigli degli esperti

Vitamina D: tutti al sole per farne il pieno

La carenza di vitamina D, che interessa tra il 50 e il 70% dei bambini italiani, può avere effetti seri sulla salute. Per affrontare questa emergenza, gli specialisti di Sip (Società italiana di pediatria), Sipps (Società italiana di pediatria preventiva e sociale) e Fimp (Federazione italiana medici pediatri), hanno firmato un documento, il primo nel nostro Paese, che fornisce raccomandazioni mirate alla prevenzione dell’ipovitaminosi D nei bambini. Raccomanda la profilassi con vitamina D alle donne in gravidanza o che allattano e ai neonati per tutto il primo anno di vita. Da 1 a 18 anni è raccomandata solo nei soggetti a rischio.

A che cosa serve

La vitamina D previene malattie dell’apparato osseo, come il rachitismo e l’osteoporosi, perché favorisce  i processi di assorbimento nell’organismo del calcio, elemento costitutivo dell’apparato scheletrico.  Nuove evidenze suggeriscono un ruolo positivo anche in alcune malattie autoimmuni, come il diabete mellito 1 e l’artrite idiopatica giovanile, ma anche asma, broncospasmo e infezioni respiratorie ricorrenti. Alcuni studi hanno messo in luce, infatti, che i bambini con queste infezioni hanno livelli più bassi di vitamina D, che se assunta in dosi adeguate può aiutare a guarire più in fretta.

Deficit in un bambino su 2

Nonostante sia appurato che la carenza di vitamina D può avere effetti seri sui bambini, la maggior parte dei bambini italiani risulta carente: l’ipovitaminosi (insufficienza o deficit) riguarda oltre un bambino su due, con punte massime in epoca neonatale e nell’adolescenza, dove si arriva a percentuali del 70%. La carenza di vitamina D può avere effetti seri sui bambini: nel neonato la vitamina previene il rachitismo (una malattia causata da un difetto della mineralizzazione della matrice ossea e potenzialmente responsabile, in uno stadio avanzato, di deformità e fratture) perché, abbinata al calcio, ha un impatto positivo sui processi di acquisizione della massa ossea.

Più all’aperto

Il primo fattore di rischio è la scarsa esposizione solare: l’organismo, infatti, la sintetizza attraverso la pelle esposta al sole. Gioco e attività fisica all’aria aperta dovrebbero essere incoraggiati tutto l’anno, anche d’inverno (purché i bimbi siano ben coperti). A rischio soprattutto gli adolescenti, che trascorrono molte ore chiusi in casa davanti al computer o alla tv, i bambini in sovrappeso, perché il tessuto adiposo “sequestra” la vitamina D, e quelli con la pelle scura, perché questa non permette ai raggi solari di filtrare.

 

 

 

 

lo sapevi che?

La profilassi è raccomandata a tutti i neonati: né il latte materno, né quello in formula, anche se addizionato, infatti, riescono a soddisfare il fabbisogno giornaliero di vitamina D.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti