Vittime di bullismo: ecco l’identikit

Ci sono alcuni tratti comuni nel carattere delle vittime di bullismo, come insicurezza, paura e vulnerabilità. Con il bullismo, poi, questi elementi si consolidano e diventano più profondi. Conoscerli può aiutare i genitori

Vittime di bullismo: ecco l’identikit

Non sono tutti così, ovviamente, ma le statistiche dicono che spesso le giovani vittime di bullismo si assomigliano. Spesso non reagiscono e subiscono atti pesanti di bullisno in silenzio, senza che genitori, insegnanti e amici ne sappiano qualcosa. Sono fragili, ma non solo. Individuare i bulli è semplice, ma è possibile tracciare un profilo delle potenziali vittime di bullismo?

Elementi di masochismo

Secondo il professor Massimo Di Giannantonio, docente di Psichiatria presso il dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Chieti, “il profilo di personalità di un ragazzo vittima potenziale di bullismo è sicuramente quello di una fragilità, vulnerabilità e insicurezza che si porta dietro le stimmate della configurazione di un carattere passivo con elementi di masochismo. Le violenze, i soprusi e i traumi ai quali il giovane è esposto non fanno che peggiorare una situazione di partenza: attraverso i traumi, infatti, la vulnerabilità potenziale di un ragazzo può sfociare in una psicopatologia”. Il vero problema, secondo l’esperto, non è solo l’incapacità di chiedere soccorso, ma anche la paura che scaturisce dalle minacce e dalle persecuzioni, innescando così un circolo vizioso.

L’isolamento sociale, primo campanello d’allarme

Il primo indizio, tra tutti i segnali che dovrebbero far riflettere i genitori e gli insegnanti, è l’isolamento sociale. Come sottolinea lo psichiatra Di Giannantonio, di solito le vittime di bullismo sono ai margini delle attività socializzanti della scuola, al di fuori dei circuiti delle feste e senza lo stimolo verso qualche sport o passione. Disagio, isolamento, imbarazzo sono i tratti delle cosiddette psicopatologie evitanti, in associazione a un frequente stato depressivo e a disordini alimentari.

 

 

Da sapere

Secondo i dati Istat sul bullismo, poco più del 50% degli 11-17enni ha subito qualche episodio offensivo, non rispettoso e/o violento da parte di altri ragazzi o ragazze nei 12 mesi precedenti.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti