Vittime di bullismo: ecco l’identikit

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/10/2018 Aggiornato il 07/11/2018

Ci sono alcuni tratti comuni nel carattere delle vittime di bullismo, come insicurezza, paura e vulnerabilità. Con il bullismo, poi, questi elementi si consolidano e diventano più profondi. Conoscerli può aiutare i genitori

Vittime di bullismo: ecco l’identikit

Non sono tutti così, ovviamente, ma le statistiche dicono che spesso le giovani vittime di bullismo si assomigliano. Spesso non reagiscono e subiscono atti pesanti di bullisno in silenzio, senza che genitori, insegnanti e amici ne sappiano qualcosa. Sono fragili, ma non solo. Individuare i bulli è semplice, ma è possibile tracciare un profilo delle potenziali vittime di bullismo?

Elementi di masochismo

Secondo il professor Massimo Di Giannantonio, docente di Psichiatria presso il dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Chieti, “il profilo di personalità di un ragazzo vittima potenziale di bullismo è sicuramente quello di una fragilità, vulnerabilità e insicurezza che si porta dietro le stimmate della configurazione di un carattere passivo con elementi di masochismo. Le violenze, i soprusi e i traumi ai quali il giovane è esposto non fanno che peggiorare una situazione di partenza: attraverso i traumi, infatti, la vulnerabilità potenziale di un ragazzo può sfociare in una psicopatologia”. Il vero problema, secondo l’esperto, non è solo l’incapacità di chiedere soccorso, ma anche la paura che scaturisce dalle minacce e dalle persecuzioni, innescando così un circolo vizioso.

L’isolamento sociale, primo campanello d’allarme

Il primo indizio, tra tutti i segnali che dovrebbero far riflettere i genitori e gli insegnanti, è l’isolamento sociale. Come sottolinea lo psichiatra Di Giannantonio, di solito le vittime di bullismo sono ai margini delle attività socializzanti della scuola, al di fuori dei circuiti delle feste e senza lo stimolo verso qualche sport o passione. Disagio, isolamento, imbarazzo sono i tratti delle cosiddette psicopatologie evitanti, in associazione a un frequente stato depressivo e a disordini alimentari.

 

 

Da sapere

Secondo i dati Istat sul bullismo, poco più del 50% degli 11-17enni ha subito qualche episodio offensivo, non rispettoso e/o violento da parte di altri ragazzi o ragazze nei 12 mesi precedenti.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti