È vero che i bambini che conoscono più parole vanno meglio a scuola?

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 11/10/2022 Aggiornato il 11/10/2022

Una ricerca ha dimostrato che i bambini in età prescolare con un vocabolario ampio avranno più chance a scuola. Ecco perché è importante stimolare il loro linguaggio

Insegnante con bambini a scuola

mbini a scuolaPiù parole sanno in età prescolare, e meglio i bambini andranno a scuola. È questa la conclusione di una ricerca della Ohio State University, pubblicata su Early Education and Development, che sottolinea ancora una volta il ruolo strategico del dialogo e della lettura  nello sviluppo dei piccoli.

Perché il linguaggio è importante?

Il numero di parole che il bambino produce è uno degli indicatori più importanti per valutare lo sviluppo del linguaggio. A 18 mesi il bambino dovrebbe produrre almeno 15 parole e a 24 mesi almeno 50 parole. Attenzione però che spesso i genitori tendono a considerare “parole” solo quelle prodotte in modo corretto, ma in realtà bisogna considerare come parole qualsiasi produzione verbale che il bambino emetta in modo stabile e spontaneo (non su ripetizione) e che utilizzi in modo funzionale, cioè attribuendole un significato ben preciso.

Perché è utile che i bambini sappiano molte parole?

I bambini in età prescolare con un vocabolario più ampio, oltre che con buona capacità di attenzione, ottengono risultati migliori in classe. Lo ha rilevato una ricerca della Ohio State University, pubblicata su Early Education and Development.

Lo studio ha analizzato 900 bambini di quattro anni provenienti da otto stati degli Stati Uniti, evidenziando come la capacità di un bimbo di interagire con insegnanti e coetanei sia influenzata dalla gamma di parole che conosce. I risultati mostrano anche che è più probabile che i bambini piccoli vengano coinvolti nei compiti in classe se hanno imparato a regolare comportamenti inappropriati e ridurre i momenti di distrazione. Per quanto riguarda il vocabolario ai bimbi è stato chiesto di nominare degli oggetti rappresentati in alcune immagini. I risultati hanno mostrato che i bambini con competenze lessicali più forti all’inizio dell’anno prescolare hanno mostrato un coinvolgimento positivo sia con i loro insegnanti che con i loro coetanei

 

 
 
 

In sintesi

Come aiutare i bambini a sviluppare il linguaggio?

Il modo più efficace perché i bambini apprendano molte parole è farlo giocando. Durante qualsiasi momento di gioco è importante dare enfasi al linguaggio usando toni di voce diversi e una mimica variabile. Importante introdurre sempre parole nuove: fino a quattro anni è bene usare frasi semplici che possono diventare più complesse dai cinque anni in su.

Serve leggere per ampliare il vocabolario del bambino?

Sicuramente. Attraverso la lettura il bambino ha la possibilità non solo di conoscere nuovi mondi e nuove storie ma anche nuove parole. Leggere inoltre stimola l’immaginazione e la curiosità e ha un impatto positivo sulla crescita.

 

Fonti / Bibliografia

  • Il Linguaggio - SIPPSLO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO DEL BAMBINO   Vediamo in seguito le principali tappe di apprendimento del linguaggio dal primo mese di vita ai tre anni. 1-2 mesi di vita: Il […]
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti