Zaini e tablet: 10 regole per una postura corretta a scuola

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 07/10/2019 Aggiornato il 07/10/2019

La Società italiana di ortopedia e traumatologia spiega che con una buona postura si evitano l'insorgenza o l'aggravamento di problemi come la cifosi

Zaini e tablet: 10 regole per una postura corretta a scuola

Zaini pesanti, molte ore trascorse da seduti tra scuola e compiti a casa, uso di smartphone e tablet che porta a chinare lo sguardo. E i rischi di sviluppare anomale curvature della schiena, come la cifosi dorsale o la lordosi lombare, aumentano. Con tutti i rischi che ne conseguono per la salute della colonna vertebrale. Ecco allora dieci consigli stilati dagli esperti della Siot, la Società italiana di ortopedia e traumatologia, affinché bambini e ragazzi mantengano una corretta postura di spalle e tronco.

Il decalogo salva-schiena
  1. Indossare zaini leggeri: il carico non deve essere superiore al 15% del peso corporeo del bambino/ragazzo.
  2. Favorire nelle aule la presenza di armadietti porta-libri per gli studenti.
  3. Vigilare affinché sui banchi di scuola venga mantenuta una posizione corretta del tronco.
  4. A scuola, ma anche a casa, osservare il rapporto ideale tra la seduta e il piano dello scrittoio, che dovrebbe essere più o meno all’altezza della linea del petto. Se necessario, usare una sedia più bassa o uno scrittoio più alto.
  5. A scuola, ma anche a casa, controllare che le sedie abbiano lo schienale rigido e alto e con un angolo di 90° con la seduta per favorire la migliore postura possibile con il bacino e le spalle aderenti allo schienale stesso.
  6. Praticare sempre attività motoria a scuola e, oltre all’educazione fisica settimanale in palestra, sarebbe buona norma eseguire 10 minuti di esercizi in classe a metà giornata.
  7. Avere in classe una illuminazione ottimale sia naturale sia artificiale. La scarsa illuminazione, infatti, causa uno sforzo maggiore degli occhi, che si accompagna a un’inevitabile alterazione della postura.
  8. Per lo stesso motivo è importante che la lavagna in classe sia alta e ben visibile e che sia posta a una distanza non eccessiva dai banchi.
  9. Nelle scuole si sta diffondendo l’uso dei tablet. Se questo da un lato dovrebbe ridurre il peso dei libri da utilizzare, dall’altro bisogna prestare attenzione alla postura durante l’uso di questi ausili elettronici: è infatti dimostrato che il loro utilizzo giornaliero in modo smodato e incontrollato è causa di cifosi dorsale.
  10. Vietare l’uso degli smartphone in classe.

 

 

Da sapere!

Il rispetto di queste 10 regole è importante, spiegano gli esperti Siot, per “evitare l’insorgenza e/o l’aggravamento della cifosi dorsale e lordosi lombare che possono portare a gravi deformità ossee”.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti