Arriva l’App che legge gli esami preconcezionali

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/11/2014 Aggiornato il 06/11/2014

Scoprire se gli esami sono a posto, calcolare i giorni fertili, aumentare le probabilità di concepimento. Ecco l’App dedicata agli aspiranti genitori 

Arriva l’App che legge gli esami preconcezionali

Un’App che legge gli esami preconcezionali, dedicata alle coppie che cercano un bebè e stanno facendo i dovuti accertamenti per verificare il proprio stato di salute e la propria fertilità. Si chiama My Fertility: concepita per i dispositivi Apple (la versione per Android è in via di completamento), consente di inserire i risultati degli esami effettuati e fornisce una prima analisi dei valori (esami del sangue, dosaggi ormonali, indagini sul liquido seminale), in attesa della visita specialistica. L’App evidenzia i valori fuori norma e suggerisce cosa fare.

I giorni giusti per concepire

Un’altra funzione importante è quella che consente all’aspirante madre di calcolare i periodi più fertili del calendario, al fine di “concentrare” i rapporti nei giorni dell’ovulazione. Si stima che in Italia solo una donna su 4 resta incinta al primo tentativo e il 60% concepisce dopo almeno 3 mesi di rapporti sessuali non protetti. L’App che legge gli esami preconcezionali è stata messa a punto da una società siciliana creatrice di altre applicazioni dedicate alla gravidanza e sviluppata in collaborazione con un ginecologo esperto in infertilità. Fornisce anche utili consigli a entrambi i partner, per aumentare le probabilità di concepimento. A lei si consiglia di: evitare continue oscillazioni di peso, moderare l’assunzione di alcolici ed evitare le infezioni, con un’adeguata igiene intima e una vita sessuale responsabile.

Consigli anche per lui…

Al futuro papà l’App che legge gli esami preconcezionali raccomanda di: evitare lavori o sport che impongono di stare seduto molte ore o comportano l’esposizione diretta al calore, non assumere sostanze dopanti (steroidi anabolizzanti), moderare l’assunzione di alcol, che danneggia il liquido seminale. No anche all’abbigliamento che “costringe” i testicoli e aumenta la temperatura nell’area genitale (pantaloni attillati, slip stretti).

… e per la coppia

Il fumo, l’obesità o l’eccessiva magrezza, l’esposizione a sostanze tossiche (pesticidi, vernici professionali, prodotti industriali), la sedentarietà, l’eccessiva attività fisica e le infezioni sessualmente trasmesse sono fattori capaci di influenzare la salute sessuale e riproduttiva di uomini e donne. 

In breve

NON SOSTITUISCE IL MEDICO

Restano fondamentali i controlli medici, che escludano la presenza di patologie che mettono a rischio la fertilità, come endometriosi per lei e varicocele per lui. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti