Aumento delle nascite non ci sarà dopo la pandemia di Covid-19

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 09/07/2020 Aggiornato il 09/07/2020

Sembra che l’aumento delle nascite nel 2021, conseguenza della reclusione per Coronavirus, non ci sarà. Le coppie italiane sono preoccupate per il futuro

Aumento delle nascite non ci sarà dopo la pandemia di Covid-19

Nel 2021 non si verificherà alcun aumento delle nascite. Proprio il contrario, quindi, di quanto si pensava fosse una normale conseguenza del periodo di lockdown per il Covid-19. Lo sostiene un gruppo di esperti italiani costituito da urologi, ginecologi, psicologi delle università di Firenze e di Catania e con la firma di una sessuologa, in uno studio che è stato pubblicato  sul «Journal of Psychosomatic Obstetrics and Gynecology».

Il lockdown e il desiderio di intimità

Qualcuno ricorderà come, circa nove mesi dopo un lungo blackout che colpì New York nel 1977, le nascite subirono un’impennata. Lo stesso si verificò in Colombia nel 1992 e poi ancora in Germania nel 2005. Gli esperti hanno voluto verificare se il fatto di dover vivere insieme per tante settimane, nel timore del futuro, potesse in qualche modo aver spinto i partner ad avvicinarsi di più, cercando conforto l’uno nell’altra, pensando in modo positivo al futuro. L’ipotesi non ha però trovato conferma nei dati raccolti. Ovviamente sarà necessario attendere i primi mesi del 2021 per verificare se ci sarà in effetti un aumento delle nascite nel nostro Paese, ma al momento, secondo le indagini svolte questo potrebbe non avvenire.

Le nascite non aumenteranno per il coronavirus

Lo studio ha coinvolto un campione di oltre 1.400 persone di età compresa tra i 18 e i 46 anni, con una relazione stabile da almeno un anno. L’obiettivo era valutare le ripercussioni della pandemia sul desiderio di genitorialità. Secondo il team di esperti, il lockdown non ha fatto crescere il desiderio di diventare genitori. Se, infatti, prima della chiusura oltre 8 italiani su 10 non erano alla ricerca di un figlio, il periodo di isolamento non ha fatto cambiare idea. Dalle dichiarazioni raccolte, non è stata verificato un aumento di diventare mamme o papà, di conseguenza è possibile che la reclusione forzata non sia stata una motivazione o un’occasione per pensare a una gravidanza. Anzi, alcuni hanno dichiarato che, se prima della pandemia si prendeva in considerazione la possibilità di avere un bambino, la reclusione forzata ha fatto cambiare idea, non tanto per problemi con il partner, quanto per il timore del contagio in corso di gravidanza() e per le difficoltà economiche legate al lockdown.

Pesanti ripercussioni psicologiche della pandemia

Si è verificata, insomma, una situazione psicoemotiva difficile, che ha avuto un impatto pesante sulla serenità della coppia e sul desiderio sessuale. La situazione di benessere psicologico, che molte coppie vivevano prima della pandemia, si è progressivamente ridotta davanti a prospettive non proprio confortanti sul piano del lavoro, della sicurezza economica e della tranquillità sanitaria. Gli esperti aggiungono che se l’11,5 per cento degli intervistati pensava di diventare mamma o papà nel corso della quarantena, soltanto il 4,3 per cento di loro ha cercato effettivamente di “mettere in cantiere” un bambino in questo periodo. Si tratta insomma di dati non proprio confortanti, che probabilmente non porteranno a un significativo aumento delle nascite. Le previsioni sono condivise anche dalla Associazione ostetrici e ginecologi ospedalieri italiani – Aogoi che commentano dati Istat riportati in Commissione Bilancio di Camera e Senato, secondo i quali per il 2021 le nascite in Italia potrebbero addirittura diminuire rispetto agli anni precedenti.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’emergenza Covid sa sta leggermente attenuando, per questo gli esperti consigliano alle coppie di cercare di recuperare l’intimità e di guardare al futuro con più serenità.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti