App per la fertilità: a rischio la privacy

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 24/06/2021 Aggiornato il 24/06/2021

Una ricerca evidenzia come molte app per la fertilità raccolgano dati sensibili inerenti alla sfera intima e alla salute delle utenti senza rispettare i requisiti della privacy

App per la fertilità: a rischio la privacy

La maggior parte delle app per la fertilità non rispettano la privacy e raccolgono e condividono dati sensibili delle utenti senza il loro consenso. Lo hanno scoperto le autrici di uno studio della Newcastle University e della Umea University.

Dati sensibili

Si tratta di applicazioni utilizzate da molte donne in tutto il mondo per tenere traccia del proprio ciclo mestruale, per programmare la procreazione o per evitare gravidanze indesiderate, facendo la conta dei giorni fertili. Nella ricerca sono state analizzate 30 app gratuite dedicate alla fertilità e al rimanere incinta, scelte tra le più popolari, che richiedono alle utenti dati come la temperatura corporea, l’attività sessuale, il ciclo mestruale e le eventuali condizioni mediche. Sono informazioni che l’utente inserisce per avere un’idea di quale siano i periodi più fertili e sono considerate molto sensibili perché riguardano la sfera della salute. La quasi totalità è però categorizzata come app di “benessere e fitness”, mentre solo pochissime sono indicate come “app mediche”.

Non rispettano i requisiti della privacy

Secondo lo studio quindi, la maggior parte di queste app non rispetta i requisiti Gdpr (Regolamento Generale dell’UE sulla Protezione dei Dati) sulla privacy. In media, ognuna sfrutta 3,8 tracker per tracciare i nostri comportamenti e l’attività del nostro smartphone. Secondo le autrici della ricerca gli utilizzatori di queste app sono donne, che sono considerate un gruppo sensibile e identificato dal Gdpr come una categoria speciale che richiede una protezione extra. Inoltre i dati sono conservati in condizioni vulnerabili, in cui le impostazioni di default permettono non solo di guadagnare sulle informazioni, ma persino di mettere in piedi un sistema che minaccia le utenti, ad esempio in caso di un eventuale aborto.

 

 
 
 

Da sapere

Il settore della cosiddetta “femtech”, ossia delle app e dei servizi digitali per il controllo della salute femminile, è più volte finito nell’occhio del ciclone, con accuse, per la maggior parte dimostrate veritiere, di condividere dati medici sensibili con soggetti terzi che, a loro volta, li sfruttano a scopo di profilazione, per confezionare messaggi pubblicitari su misura.  

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Progesterone o aspirinetta in gravidanza?

12/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I due prodotti medicinali non sono incompatibili: se la condizione della futura mamma lo richiede si possono impiegare tutti e due.   »

Bimbo di sette anni che sfida continuamente la mamma

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si può permettere a un bambino di tenere sotto scacco i genitori, disobbedendo e facendo sempre e solo di testa propria. Contenerlo con dolce fermezza è la priorità assoluta.   »

Gravidanza e valore del TSH

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

In gravidanza il valore del TSH (ormone tireostimolante) non deve essere superiore a 2,5. Se lo è occorre aggiustare il dosaggio della levotiroxina.   »

Fai la tua domanda agli specialisti