L’ovulazione: come scoprire quando si verifica

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/01/2012 Aggiornato il 20/01/2012

Sapere fare il calcolo dell’ovulazione, cioè conoscere il proprio periodo fertile, è importante se si sta cercando di restare incinta

L’ovulazione: come scoprire quando si verifica

L’ovulazione, o periodo fertile, è la fase in cui l’ovulo giunto a maturazione viene espulso dall’ovaio e inizia a migrare verso l’utero dove si annida se, nel suo percorso, viene fecondato da uno spermatozoo. Tutti i mesi nell’apparato riproduttivo femminile si compie l’ovulazione. Indicativamente ogni 28 giorni, grazie all’azione delle gonadotropine, ormoni prodotti da una ghiandola del cervello, nelle ovaie della donna si forma un ovulo. Questo impiega  in media 14 giorni (fase follicolare) per raggiungere un’adeguata maturazione e fuoriuscire dall’ovaio per raggiungere la tuba. Proprio a questo punto ha inizio la cosiddetta ovulazione che dura in media 6 giorni e corrisponde al periodo fertile durante il quale l’uovo può essere fecondato dallo spermatozoo di origine maschile.
Completa il ciclo la fase luteale, che va dal 16° al 28° giorno circa, durante la quale la parete interna dell’utero (endometrio) si prepara ad accogliere l’ovulo nel caso si verificasse il concepimento. Viceversa a partire dal 28° giorno compaiono le mestruazioni che consistono appunto nell’espulsione dalla vagina dell’ovulo non fecondato e dei resti dell’endometrio.Questo calcolo dell’ovulazione comunque è generico ed è applicabile con molta difficoltà a tutte le donne e in tutti i cicli.

Avere rapporti regolari

Per tale ragione è importante una regolare attività sessuale. Ai fini di un concepimento è importante avere rapporti 2-3 volte la settimana, in modo da coprire con questa frequenza il più possibile tutto il periodo fertile. Infatti, così facendo, è sicuro che almeno un rapporto avvenga durante l’ovulazione, considerato anche che l’ovulo quando viene espulso dall’ovaia riesce a sopravvivere 24-36 ore, mentre gli spermatozoi possono rimanere vitali 3 giorni dal rapporto. Uno studio recente ha messo in evidenza che sono sopravvisuti anche 7 giorni dopo. Rapporti più ravvicinati o quotidiani, invece, pur essendo possibili per motivi affettivi, non aggiungono nulla alla fertilità della coppia.

In breve

L'ovulazione, ovvero il periodo fertile

L’ovulazione dura in media 6 giorni e corrisponde al periodo fertile durante il quale l’uovo può essere fecondato dallo spermatozoo di origine maschile. Se si vuole rimanere incinta è in questi giorni che bisogna avere rapporti sessuali.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti