Cosa mangiare per ridurre l’endometriosi? La risposta degli esperti

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 10/03/2022 Aggiornato il 10/03/2022

È stato appena pubblicato un manuale di consigli alimentari per alleviare i sintomi della malattia. Ecco cosa mangiare per ridurre l’endometriosi

Cosa mangiare per ridurre l’endometriosi? La risposta degli esperti

L’endometriosi è una malattia cronica molto dolorosa che può essere invalidante, fisicamente e psicologicamente, oltre a causare problemi di infertilità o di menopausa precoce. È una patologia molto diffusa, ma invisibile e poco conosciuta, con una diagnosi spesso lunga e complessa. Per ridurre i sintomi di questa malattia, è fondamentale scegliere gli alimenti giusti da portare a tavola. Ecco cosa mangiare per ridurre l’endometriosi.

Pietro Giulio Signorile, presidente della Fondazione Italiana Endometriosi, e Maria Cassano, biologa nutrizionista e diet coach, specialista in patologia clinica, hanno recentemente pubblicato il libro: “La dieta anti endometriosi – l’alimentazione antinfiammatoria per ridurre i sintomi e vivere meglio”, dove viene descritto un programma alimentare antinfiammatorio contro l’endometriosi.

Obiettivo del libro è fare chiarezza sull’endometriosi, che va considerata una vera e propria sindrome che causa infiammazione in tutto l’organismo, e proporre un programma alimentare per alleviare i fastidi e ritrovare il benessere.

Cosa mangiare se si ha endometriosi?

La dieta può contribuire a curare l’endometriosi. Modificare le proprie abitudini alimentari e, in generale, il proprio stile di vita, per abbassare i livelli di infiammazione dell’organismo, è centrale per ritrovare un nuovo equilibrio che permetta al corpo, ma anche alla mente, di orientarsi verso un nuovo stato di benessere.

Gli alimenti che si mangiano hanno un forte impatto sui fattori di rischio per l’endometriosi: per esempio un eccesso di estrogeni e uno squilibrio del microbiota intestinale alimentano l’infiammazione.

Come ridurre l’infiammazione da endometriosi?

Secondo Signorile e Cassano, seguire la dieta anti endometriosi, che ricalca in buona sostanza il modello di dieta mediterranea) aiuterebbe moltissimo a gestire i sintomi dolorosi e la progressione della malattia. Nello specifico è proposto un piano dietetico suddiviso in tre stadi per ristabilire l’equilibrio ormonale e ripristinare la salute del microbiota intestinale.

Nel manuale sono descritti anche quali sono i cibi da ridurre ed evitare e cosa mangiare per ridurre l’endometriosi con circa 70 ricette stuzzicanti e appetitose.

 

 

 
 
 

In sintesi

Quali cibi evitare con l’endometriosi?

I prodotti industriali (merendine, patatine, bevande zuccherate, ecc), bevande alcoliche, caffeina, prodotti con soia (salsa di soia, tofu, seitan), farine raffinate e relativi prodotti da forno, grassi saturi (burro, insaccati), zucchero bianco, dolci ricchi di zuccheri, avena e segale.

Quali cibi ridurre con l’endometriosi?

La carne rossa (prediligere la carne bianca), i formaggi (per la presenza di caseina e lattosio) e il glutine (è meglio assumerlo da farine integrali e poco raffinate).

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti