Endometriosi: diagnosi sempre più precoce

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/11/2015 Aggiornato il 18/11/2015

Un particolare mezzo di contrasto e la scoperta di un ormone “chiave” potrebbero anticipare la diagnosi di endometriosi, spesso causa di infertilità

Endometriosi: diagnosi sempre più precoce

La diagnosi di endometriosi può essere anticipata grazie alla risonanza magnetica nucleare. Lo rivela la Fondazione italiana endometriosi. I ricercatori, diretti dal professor Pietro Giulio Signorile, hanno effettuato uno studio sull’ormone anti-mulleriano (Amh), scoprendo che è distribuito in molti organi ed è presente specialmente nel tessuto endometriosico.

Che cos’è l’endometrio

L’endometrio è il tessuto che riveste la parete interna dell’utero. Nell’endometriosi, tessuto simile all’endometrio “si sposta” al di fuori dell’utero e provoca la formazione di lesioni, specialmente nell’addome, interessando le ovaie, le tube di Falloppio, i legamenti dell’utero, l’area tra vagina e retto, il peritoneo.

Il ruolo dell’Amh

L’ormone Amh è presente già nel feto, si sviluppa nelle cellule ovariche intorno alla trentaduesima settimana e i livelli aumentano in caso di policistosi ovarica o endometriosi. I ricercatori hanno dimostrato che legando l’Amh al gladolinio, un comune mezzo di contrasto diagnostico, l’immagine della malattia nella risonanza magnetica viene potenziata, evidenziando anche le lesioni più piccole nei tessuti e in tutti gli organi intaccati.

Oggi servono 7-10 anni

La notizia che la diagnosi di endometriosi può essere anticipata grazie alla risonanza magnetica nucleare è molto importante perché l’identificazione precoce della malattia è ancora oggi un problema. Dai 7 ai 10 anni è, infatti, il tempo medio di attesa per la diagnosi definitiva: un riconoscimento tardivo rallenta le cure, con effetti importanti sulla qualità di vita. Il 30-40% dei casi di infertilità femminile è causato da questa malattia.

L’iter diagnostico attuale

Per la diagnosi, è necessaria un’accurata visita ginecologica, accompagnata dall’anamnesi (la raccolta dei dati personali).  L’ecografia transvaginale permette di individuare cisti alle ovaie, adenomiosi (tessuto endometriosico annidato all’interno della parete muscolare dell’utero), lesioni vescicali o rettali. In ultima istanza, si ricorre all’esame istologico effettuato per via laparoscopica: si può parlare di malattia endometriosica solo quando al risultato positivo dell’esame istologico si associano disturbi clinici rilevanti e/o infertilità. Oggi sappiamo che la diagnosi di endometriosi può essere anticipata grazie alla risonanza magnetica nucleare. 

 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Tre milioni sono le donne con endometriosi in Italia, soprattutto nella fascia tra i 29 e i 39 anni. Il 70%, secondo il ministero della Salute, presenta i sintomi fin da adolescenti, ma ottiene una diagnosi in età adulta.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti