Endometriosi: contro il dolore un aiuto dall’osteopatia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/05/2017 Aggiornato il 24/05/2017

In termini di miglioramento della condizione clinica delle pazienti colpite da endometriosi la percentuale di successo è superiore all'85%. Ecco perché funziona

Endometriosi: contro il dolore un aiuto dall’osteopatia

Contro i dolori dell’endometriosi un aiuto arriva dall’osteopatia. È quanto emerge da una collaborazione in corso da alcuni anni fra Simona Melegari, osteopata specializzata in osteopatia ginecologica e docente al Collegio italiano Osteopatia di Parma, e Carlo Alboni, dirigente medico di Ostetricia e ginecologia al Policlinico di Modena. “Se parliamo di miglioramento della condizione clinica delle pazienti, la percentuale di successo è superiore all’85%”, precisa Alboni.

Terapia innovativa

Collaborando fianco a fianco, Alboni e Melegari hanno trattato circa 160 donne sofferenti di endometriosi, riscontrando l’efficacia del trattamento osteopatico. “Purtroppo – racconta Alboni – nella mia attività riscontravo che il dolore pelvico spesso non spariva con le terapie farmacologiche classiche e nemmeno dopo l’intervento chirurgico. Questo mi ha portato ad approfondire lo studio del dolore dal punto di vista neurofisiologico. Mi sono così avvicinato all’idea di collaborare con una osteopata con l’obiettivo comune di interrompere gli stimoli del dolore tra periferia e sistema nervoso centrale. I tentativi sono stati consolidati da successo clinico”. Con questo nuovo approccio, precisa Melegari, “quasi tutte le pazienti con endometriosi non hanno più avuto dolori, oppure questi sono notevolmente calati e la qualità della vita è migliorata”.

 

Da sapere!

L’endometriosi colpisce circa il 10% della popolazione femminile fertile, causando forti dolori pelvici soprattutto durante i rapporti sessuali e il ciclo mestruale.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti