Eterologa: all’ospedale Niguarda la banca del seme

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 15/02/2018 Aggiornato il 09/08/2018

Si cerca in questo modo di sopperire alla carenza di donatori. Dall’inizio dell’anno in Lombardia per la fecondazione eterologa si paga un ticket da 66 euro

Eterologa: all’ospedale Niguarda la banca del seme

In Lombardia dal primo gennaio di quest’anno è possibile accedere alla fecondazione eterologa attraverso il Servizio sanitario nazionale: la procreazione medicalmente assistita eterologa entra così in funzione a tutti gli effetti per i cittadini lombardi tra le prestazioni offerte dal servizio sanitario nazionale, come previsto più di un anno fa dai nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea).

La prima banca regionale del seme

La prima banca  di crioconservazione del seme della Lombardia verrà realizzata all’ospedale Niguarda di Milano. Come ha spiegato Giulio Gallera, assessore regionale al Welfare, “abbiamo disposto che l’Azienda socio-sanitaria territoriale Niguarda di Milano presenti entro il 30 aprile 2018 uno studio di fattibilità per la creazione di una banca regionale di crioconservazione dei gameti per rendere concretamente realizzabili le procreazioni medicalmente assistite in Lombardia. L’incarico ha origine dalla scarsa disponibilità di cellule riproduttive provenienti da donatori depositate in altri centri di conservazione italiani”.

66 euro di ticket

Dal primo gennaio, poi, i cittadini lombardi possono usufruire della prestazione mediante la compartecipazione di spesa (ticket) di  66 euro (36 euro da tariffa ordinaria più 30 di tariffa aggiuntiva regionale) a fronte di un costo che, altrimenti, oscillerebbe tra i 1.500 e i 4.000 euro.

Tre condizioni

Tre sono le condizioni fissate per accedere alla fecondazione eterologa:

  1. vi si potrà ricorrere con seme da donatore con inseminazione intrauterina, con seme da donatore in vitro o con ovociti da donatrice;
  2. la prestazione può essere effettuata per massimo tre cicli;
  3. per sottoporsi alla prestazione è necessario avere meno di 43 anni.

 

 

Da sapere!

La fecondazione eterologa è una tecnica di procreazione medicalmente assistita che prevede la fecondazione dell’ovocita femminile con il seme di un donatore diverso dal partner.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Esposizione alla diossina: quali rischi per il feto?
16/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Durante la gravidanza, l'esposizione alla diossina non è particolarmente rischiosa per il bambino.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti