Fecondazione eterologa: nasce associazione di donatori di gameti

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 21/07/2014 Aggiornato il 21/07/2014

Fecondazione eterologa: dopo che la Consulta ha dato il via libera anche in Italia, è nata la prima associazione di donatori di ovuli e spermatozoi

Fecondazione eterologa: nasce associazione di donatori di gameti

Dopo che lo scorso aprile la Corte Costituzionale ha stabilito che il divieto di fecondazione eterologa è incostituzionale, sono sorte moltissime domande. Finalmente stanno iniziando ad arrivare le prime risposte. Nel corso del convegno “La tutela della salute per le coppie infertili e sterili dopo le sentenze della Corte Costituzionale”, gli esperti hanno fatto il punto sui presunti vuoti normativi, in particolare su quello relativo ai donatori di gameti.

È la prima associazione di questo tipo

La fecondazione eterologa prevede che, per ottenere il concepimento in una coppia non fertile, si utilizzi il seme di un donatore o l’ovocita di una donatrice, quindi di soggetti esterni alla coppia. Fino a poche settimane fa non erano chiari quali diritti avessero questi individui e quali caratteristiche dovessero soddisfare. Proprio per fare chiarezza, è nata Associazione altruistica e gratuita di donazione dei gameti (Aidagg), la prima associazione dei donatori di ovuli e spermatozoi.

I donatori non ricevono alcun compenso

Secondo quanto stabilito fino a ora, possono diventare donatori tutti gli uomini e le donne di età compresa tra i 25 i 35 anni, in buone condizioni di salute. La procedura deve avvenire completamente in forma anonima e i donatori non possono vantare alcun diritto sui bimbi nati. La donazione è sempre gratuita e volontaria e da ciascun volontario possono originare al massimo sei gravidanze.

La coppia non può scegliere

Per quanto riguarda le coppie che si sottopongono alla fecondazione eterologa, la legge dice che non possono scegliere i donatori e non possono ricevere ovuli e/o gameti se la donna ha più di 50 anni.

In breve

LO STATUS DEL BIMBO

Secondo l’Associazione Coscioni, la tanto contestata legge 40  sulla fecondazione assistita regola anche lo status del bambino nato da fecondazione eterologa: il bebè è figlio legittimo della coppia che ha scelto questa strada.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho usato un coltello sporco: rischio la toxoplasmosi?
19/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Se non si è immune alla toxoplasmosi, durante la gravidanza è sempre meglio non usare lo stesso coltello sia per sbucciare la frutta non lavata sia per affettarla.   »

Fibroma e gravidanza
05/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono fibromi che per collocazione e dimensione non interferiscono sulla possibilità di iniziare e portare a termine una gravidanza,  »

Terzo cesareo a due anni dal secondo: quali pericoli?
22/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

In realtà i rischi legati a un terzo cesareo sono più o meno gli stessi dei due cesarei precedenti.   »

Fai la tua domanda agli specialisti