Fecondazione eterologa: nasce associazione di donatori di gameti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/07/2014 Aggiornato il 21/07/2014

Fecondazione eterologa: dopo che la Consulta ha dato il via libera anche in Italia, è nata la prima associazione di donatori di ovuli e spermatozoi

Fecondazione eterologa: nasce associazione di donatori di gameti

Dopo che lo scorso aprile la Corte Costituzionale ha stabilito che il divieto di fecondazione eterologa è incostituzionale, sono sorte moltissime domande. Finalmente stanno iniziando ad arrivare le prime risposte. Nel corso del convegno “La tutela della salute per le coppie infertili e sterili dopo le sentenze della Corte Costituzionale”, gli esperti hanno fatto il punto sui presunti vuoti normativi, in particolare su quello relativo ai donatori di gameti.

È la prima associazione di questo tipo

La fecondazione eterologa prevede che, per ottenere il concepimento in una coppia non fertile, si utilizzi il seme di un donatore o l’ovocita di una donatrice, quindi di soggetti esterni alla coppia. Fino a poche settimane fa non erano chiari quali diritti avessero questi individui e quali caratteristiche dovessero soddisfare. Proprio per fare chiarezza, è nata Associazione altruistica e gratuita di donazione dei gameti (Aidagg), la prima associazione dei donatori di ovuli e spermatozoi.

I donatori non ricevono alcun compenso

Secondo quanto stabilito fino a ora, possono diventare donatori tutti gli uomini e le donne di età compresa tra i 25 i 35 anni, in buone condizioni di salute. La procedura deve avvenire completamente in forma anonima e i donatori non possono vantare alcun diritto sui bimbi nati. La donazione è sempre gratuita e volontaria e da ciascun volontario possono originare al massimo sei gravidanze.

La coppia non può scegliere

Per quanto riguarda le coppie che si sottopongono alla fecondazione eterologa, la legge dice che non possono scegliere i donatori e non possono ricevere ovuli e/o gameti se la donna ha più di 50 anni. 

In breve

LO STATUS DEL BIMBO

Secondo l’Associazione Coscioni, la tanto contestata legge 40  sulla fecondazione assistita regola anche lo status del bambino nato da fecondazione eterologa: il bebè è figlio legittimo della coppia che ha scelto questa strada. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti