Fecondazione eterologa: servono delle linee guida

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/06/2014 Aggiornato il 03/06/2014

Per la fecondazione eterologa, ora che la Consulta ha dato il via libera, i ginecologi chiedono delle linee guida ad hoc per risolvere i molti dubbi

Fecondazione eterologa: servono delle linee guida

Se fino a qualche settimana fa in Italia la fecondazione eterologa era vietata, ora le cose sono cambiate. La Consulta, infatti, ha stabilito che il divieto a questa pratica non era costituzionale. In seguito a questa decisione, però, sono sorte tante domande. Per questo, secondo la Società italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo), è necessario realizzare al più presto delle linee guida mirate.

Interessa in Italia oltre 4.000 coppie

Sono passati poco meno di due mesi da quando la Corte Costituzionale ha stabilito che il divieto di fecondazione eterologa è incostituzionale. La consulta, in pratica, ha dichiarato l’illegittimità della norma (articoli 4, comma 3, 9, commi 1 e 3 e 12, comma 1) che vieta il ricorso a un donatore esterno di ovuli o spermatozoi nei casi di infertilità assoluta. Da allora, oltre 4 mila coppie hanno chiesto delucidazioni sull’iter da seguire per accedere a questa procedura. A oggi, però, non sono state ancora stabilite indicazioni certe. Per questo, gli esperti chiedono al ministero della Salute di stendere il prima possibile delle linee guida in proposito.

Mancano norme precise

Al momento sono ancora tantissime le domande senza risposta. “Negli altri Stati europei dove l’eterologa è già permessa ci sono grandi differenze di regolamento. In alcune nazioni, per esempio, il donatore deve rimanere anonimo. In altre invece è proprio lo Stato che informa un individuo, nato in provetta, sull’identità del suo padre naturale. Esiste inoltre il problema dalla donazione di gameti. Dovrà essere gratuita? Se sì, solo nei centri pubblici o anche in quelli privati? Le nuove Linee Guida dovranno risolvere tutti questi aspetti” ha spiegato Paolo Scollo presidente della Sigo.

Serve l’unione di varie società scientifiche

Moltissime Società scientifiche si sono offerte per contribuire alla creazione delle linee guida. Fra queste anche la Sigo, che ha già istituito un tavolo tecnico che si occupa della preservazione della fertilità dei pazienti oncologici.

In breve

ERA UNO DEI LIMITI DELLA LEGGE 40

Fino a poche settimane fa, la fecondazione eterologa era uno dei grossi ostacoli imposti dalla legge 40 sulla fecondazione assistita. Per aggirarlo, moltissime coppie si erano rivolte a centri esteri. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti