Fecondazione assistita: è boom anche in Italia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/12/2013 Aggiornato il 18/12/2013

Secondo i dati sulla fecondazione assistita, sono 5 milioni i bebè nati nel mondo con l'aiuto delle tecniche della medicina riproduttiva dal 1978 a oggi

Fecondazione assistita: è boom anche in Italia

Boom di casi di fecondazione assistita negli ultimi sei anni nel mondo e anche nel nostro Paese. La notizia è stata divulgata nel corso del congresso della società americana di medicina riproduttiva di Boston. Secondo i dati dello studio sulla fecondazione assistita, sono cinque milioni i bebè nati nel mondo con l’aiuto di tutte le tecniche della medicina riproduttiva dal 1978 a oggi, metà dei quali negli ultimi sei anni. Nel 1990 erano, infatti, appena 90mila, nel 2000 il loro numero è salito a 900mila, mentre dal 2007 a oggi, grazie anche a tecniche sempre più raffinate e sicure e ai prezzi più abbordabili, c’è stato un vero e proprio boom con due milioni e mezzo di nascite. Con gli anni è anche via via aumentata l’età delle donne alla ricerca di un figlio.

Possono riempire un intero Stato

Quella della fecondazione assistita è la storia di grande successo medico e ad ammetterlo sono gli stessi sanitari. “I bimbi nati sono un numero pari alla popolazione di uno Stato Usa come il Colorado, oppure di Paesi come il Libano o l’Irlanda” ha spiegato Richard Kennedy, rappresentante di Icmart al convegno di Boston.

Picco anche in Italia

Il trend in crescita sembra essere confermato anche in Italia dove, secondo i dati del Registro italiano della procreazione medicalmente assistita tenuto dall’Istituto Superiore di Sanità, sono circa cinquantamila i bimbi nati con il supporto delle varie tecniche utilizzate dalla medicina della riproduzione. Dal 2005, anno in cui è iniziato il monitoraggio da parte dell’Istituto superiore di sanità, il loro numero è in costante crescita. Se all’inizio erano, infatti, appena 4.940 i bebè nati vivi, nell’ultima rilevazione il loro numero è salito a 12.506.

In breve

IL TREND È IN CONTINUA CRESCITA

È boom di bimbi nati da fecondazione assistita. Il trend in crescita sembra essere confermato anche in Italia dove, secondo i dati del Registro italiano della procreazione medicalmente assistita tenuto dall’Istituto Superiore di Sanità, sono circa cinquantamila i bimbi nati con il supporto delle varie tecniche utilizzate dalla medicina della riproduzione.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti