Fecondazione assistita: futuri genitori sempre più “vecchi”

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/07/2016 Aggiornato il 13/07/2016

Per la fecondazione assistita cambia il profilo delle coppie che vi si sottopongono: l’età media dei partner è più alta e il lavoro diventa stabile per entrambi

Fecondazione assistita: futuri genitori sempre più “vecchi”

Hanno un lavoro più stabile e qualche anno in più, sia l’uomo sia la donna, le coppie che oggi si sottopongono alla fecondazione assistita. È quanto emerge dalla ricerca “Diventare genitori oggi: il punto di vista delle coppie in Pma”, realizzata dal Censis in collaborazione con la Fondazione Ibsa.

Genitori più anziani

Rispetto all’indagine condotta otto anni fa, nel 2008, sulla fecondazione assistita si è notato che aumenta l’età media dei futuri genitori. La ricerca è stata realizzata su un campione di 361 coppie seguite da 23 centri per il trattamento dell’infertilità situati in varie regioni italiane. Quello dell’infertilità è un problema che, secondo le ultime stime fornite dall’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, riguarda il 15% circa delle coppie dei Paesi industrializzati avanzati. L’età media del partner maschile passa da 37,7 anni nel 2008 a 39,8 nel 2016 e quello femminile da 35,3 anni a 36,7, e la condizione professionale è più stabile per entrambi.

Meno probabilità di successo

Le coppie attualmente impegnate in un percorso di Pma (Procreazione medicalmente assistita) cominciano sempre più tardi a concepire un figlio, influendo direttamente sulle possibilità di successo delle tecniche.

Si aspetta di più

I primi dubbi sulla capacità di ottenere una gravidanza intervengono in genere dopo 15,5 mesi di tentativi, un intervallo più lungo rispetto ai 12,2 mesi di media nel 2008. Il professionista a cui la coppia si rivolge la prima volta è nella maggior parte dei casi il ginecologo (72,5%), il 13,6% dichiara di essersi rivolto, invece, direttamente allo specialista di un centro di Pma in percentuale doppia rispetto al 7,1% dell’ultima indagine.

Lavoro più stabile

In materia di fecondazione assistita cambiano anche le caratteristiche dei partner, che possiedono un livello di istruzione più alta e una professione più stabile.

Soprattutto Fivet

Solo al 55% delle coppie intervistate è stato diagnosticato un problema di infertilità connesso a una causa specifica, mentre per il 35% i motivi restano inspiegati. Nel momento in cui viene riconosciuta una reale infertilità il 60,9% delle coppie dichiara di effettuare la Fivet omologa, il 42,3% alla Icsi omologa. Riguardo ai tempi di attesa, circa un terzo del campione, cioè il 33%, ha aspettato meno di tre mesi prima di iniziare la terapia, soprattutto le coppie che si sono rivolte a centri privati.

VUOI SAPERE QUALI SONO LE PRINCIPALI TECNICHE DI PMA? LEGGI QUI

 

 

 
 
 

DA SAPERE

 

TRATTAMENTI INIQUI

Dal Registro Nazionale della Pma (Procreazione medicalmente assistita) dell’Istituto Superiore di Sanità risulta che l’accesso alle cure è molto iniquo a seconda della Regione italiana in cui si abita. Ed è più lungo e complesso per le coppie che hanno minori risorse economiche e hanno livelli di istruzione più bassi.   

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza: meglio diminuire la dose giornaliera?

14/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In genere il dosaggio medio indicato per la sertralina è tra i 50 e i 150 mg al giorno: se si sta già assumendo una quantità minima rispetto alla posologia può non essere opportuno ridurre ulteriormente la dose, specialmente di propria iniziativa.   »

Piccolissima allattata artificialmente che ha le coliche: bisogna cambiare latte?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La causa delle coliche non è ancora chiara, mentre si conoscono gli accorgimenti che possono risultare utili per controllarle, è bene metterli in pratica prima di pensare a sostituire il tipo di latte con un altro tipo.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti