Fecondazione assistita: i viaggi della speranza all’estero sono inutili?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/12/2013 Aggiornato il 03/12/2013

Al di fuori dell’eterologa, in Italia si può fare tutto. Ecco perché le coppie che vogliono sottoporsi alla fecondazione assistita non devono “emigrare”

Fecondazione assistita: i viaggi della speranza all’estero sono inutili?

Su 50 mila coppie italiane infertili che ricorrono alla fecondazione assistita, il 20% circa va all’estero. Inutilmente, secondo gli esperti. Infatti, in Italia ormai si può fare quasi tutto. E in sicurezza.

La legge 40

La legge che regola la fecondazione assistita in Italia è la legge 40. Molti la considerano una norma molto limitante, perché vieta alcune pratiche legali invece in altri Stati. In realtà, secondo i medici, c’è molta disinformazione in proposito. Il nostro è un Paese all’avanguardia per quanto riguarda le tecniche di procreazione assistita e offre ottime opportunità alle coppie che hanno problemi di fertilità. Il principale divieto, quello che impediva di ottenere più di tre embrioni per ciclo e obbligava a trasferire tutti gli embrioni ottenuti in utero, è stato giudicato incostituzionale nel 2009 e, dunque, abolito. Oggi, quindi, a differenza di quanto si pensa comunemente, è il medico a decidere che cosa fare, stabilendo quanti ovuli fecondare e quanti embrioni trasferire. Ovviamente questo avviene sempre nel rispetto dei principi generali della legge sulla fecondazione assistita, che sono di ottenere in vitro solo gli embrioni “necessari” a un esito ottimale.

Il problema della donazione

Attualmente il limite maggiore in Italia è rappresentato dalla donazione eterologa, cioè la donazione di ovuli e spermatozoi da parte di membri esterni della coppia. Occorre ricordare, però, che le uniche due vere ragioni che giustificano questa pratica sono l’incapacità del corpo della donna di produrre ovuli e una mancata produzione di spermatozoi da parte dei testicoli maschili. Si tratta di situazioni molto rare. In tutti gli altri casi – sostengono i medici – le tecniche disponibili in Italia sono sufficienti ed efficaci.

La diagnosi genetica

L’altro grosso limite della legge 40 è quello della diagnosi genetica preimpianto, ossia una serie di indagini mirate a diagnosticare anomalie genetiche sull’embrione ottenuto in laboratorio prima del trasferimento in utero. Di fatto, la legge la impedisce alle coppie portatrici o con malattie genetiche, che sono quelle che più di tutte avrebbero la necessità di conoscere la situazione genetica dell’embrione. Su questo fronte le cose potrebbero e dovrebbero migliorare. E anche qui i giudici sono già intervenuti con delle sentenze.

I centri all’estero sono meno sicuri

Non c’è ragione, quindi, per recarsi all’estero. Oltretutto, secondo Ermanno Greco, direttore del Centro di medicina e biologia della riproduzione dell’European Hospital di Roma “in altri Paesi segnaliamo una carenza di informazioni, di counseling e talvolta di qualità, oltre a quella che a volte si può definire come una deregulation totale sulla fecondazione assistita”. Insomma, i viaggi della speranza in Europa in questo ambito non solo sono inutili, ma possono rivelarsi anche pericolosi. 

In breve

A CHI RIVOLGERSI

Le coppie che non riescono ad avere figli e vogliono tentare la strada della fecondazione assistita dovrebbero rivolgersi a un ginecologo esperto in problematiche della riproduzione. In Italia esistono centri sia pubblici sia privati che applicano queste procedure.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Placenta vicina all’OUI: potrebbe allontanarsi?

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel corso della gravidanza la placenta può spostarsi dall'orifizio uterino in quanto l'utero gradualmente si distende in lungo e in largo  »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti