Fecondazione assistita: i viaggi della speranza all’estero sono inutili?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/12/2013 Aggiornato il 03/12/2013

Al di fuori dell’eterologa, in Italia si può fare tutto. Ecco perché le coppie che vogliono sottoporsi alla fecondazione assistita non devono “emigrare”

Fecondazione assistita: i viaggi della speranza all’estero sono inutili?

Su 50 mila coppie italiane infertili che ricorrono alla fecondazione assistita, il 20% circa va all’estero. Inutilmente, secondo gli esperti. Infatti, in Italia ormai si può fare quasi tutto. E in sicurezza.

La legge 40

La legge che regola la fecondazione assistita in Italia è la legge 40. Molti la considerano una norma molto limitante, perché vieta alcune pratiche legali invece in altri Stati. In realtà, secondo i medici, c’è molta disinformazione in proposito. Il nostro è un Paese all’avanguardia per quanto riguarda le tecniche di procreazione assistita e offre ottime opportunità alle coppie che hanno problemi di fertilità. Il principale divieto, quello che impediva di ottenere più di tre embrioni per ciclo e obbligava a trasferire tutti gli embrioni ottenuti in utero, è stato giudicato incostituzionale nel 2009 e, dunque, abolito. Oggi, quindi, a differenza di quanto si pensa comunemente, è il medico a decidere che cosa fare, stabilendo quanti ovuli fecondare e quanti embrioni trasferire. Ovviamente questo avviene sempre nel rispetto dei principi generali della legge sulla fecondazione assistita, che sono di ottenere in vitro solo gli embrioni “necessari” a un esito ottimale.

Il problema della donazione

Attualmente il limite maggiore in Italia è rappresentato dalla donazione eterologa, cioè la donazione di ovuli e spermatozoi da parte di membri esterni della coppia. Occorre ricordare, però, che le uniche due vere ragioni che giustificano questa pratica sono l’incapacità del corpo della donna di produrre ovuli e una mancata produzione di spermatozoi da parte dei testicoli maschili. Si tratta di situazioni molto rare. In tutti gli altri casi – sostengono i medici – le tecniche disponibili in Italia sono sufficienti ed efficaci.

La diagnosi genetica

L’altro grosso limite della legge 40 è quello della diagnosi genetica preimpianto, ossia una serie di indagini mirate a diagnosticare anomalie genetiche sull’embrione ottenuto in laboratorio prima del trasferimento in utero. Di fatto, la legge la impedisce alle coppie portatrici o con malattie genetiche, che sono quelle che più di tutte avrebbero la necessità di conoscere la situazione genetica dell’embrione. Su questo fronte le cose potrebbero e dovrebbero migliorare. E anche qui i giudici sono già intervenuti con delle sentenze.

I centri all’estero sono meno sicuri

Non c’è ragione, quindi, per recarsi all’estero. Oltretutto, secondo Ermanno Greco, direttore del Centro di medicina e biologia della riproduzione dell’European Hospital di Roma “in altri Paesi segnaliamo una carenza di informazioni, di counseling e talvolta di qualità, oltre a quella che a volte si può definire come una deregulation totale sulla fecondazione assistita”. Insomma, i viaggi della speranza in Europa in questo ambito non solo sono inutili, ma possono rivelarsi anche pericolosi. 

In breve

A CHI RIVOLGERSI

Le coppie che non riescono ad avere figli e vogliono tentare la strada della fecondazione assistita dovrebbero rivolgersi a un ginecologo esperto in problematiche della riproduzione. In Italia esistono centri sia pubblici sia privati che applicano queste procedure.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti