Fecondazione assistita in Italia, ci sono possibilità in più

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 22/01/2021 Aggiornato il 22/01/2021

Oggi la fecondazione assistita in Italia garantisce sicurezza e la possibilità di effettuare anche la tecnica eterologa, con donazione di gameti da un donatore

Fecondazione assistita in Italia, ci sono possibilità in più

Dal 2014, grazie ad alcune sentenze della Corte Costituzionale, la fecondazione assistita in Italia si è aperta anche alla procedura di tipo eterologo. Con questo termine si intende la possibilità di utilizzare gameti esterni alla coppia, nel caso i genitori siano entrambi portatori di malattie genetiche che i figli erediterebbero. Nonostante questo, nel nostro Paese continuano a permanere difficoltà per le coppie con problemi di infertilità. Forse per questo, forse per la convinzione che in alcuni Paesi siano più semplice accedere a questi trattamenti, sta di fatto che ancora molte coppie di dedicano ai “viaggi della speranza” all’estero. 

Più disponibilità in Italia

Nel 2017, secondo i dati del registro del Ministero della Salute spagnolo, circa 3300 coppie italiane si sono recate in Spagna per sottoporsi alla Procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo. Per poterlo fare si sono sobbarcate spese non indifferenti tra viaggio, vitto e alloggio, senza contare il disagio di non essere a casa propria in un momento così delicato e, attualmente, con le difficoltà legate alla pandemia di Covid-19.
Eppure oggi è possibile sottoporsi a percorsi di fecondazione assistita in Italia, perché sono numerosi ormai i centri che si sono organizzati utilizzando banche di gameti estere data la carenza nel nostro Paese di donatori e dunque di strutture per la conservazione degli ovociti. E oggi ci sono anche diverse possibilità in più. Esiste anche in Italia GeneraLife, gruppo europeo di centri specializzati a guida italiana, che assicura un percorso di piena sicurezza tutto all’interno del network, senza necessità di viaggi della speranza per diventare genitori.

Il desiderio di diventare genitori

Le coppie italiane hanno mostrato un aumento del desiderio di avere un bambino soprattutto nei mesi conseguenti il periodo di lockdown. Per questo sono aumentati i casi di persone che si sono rivolte a percorsi di fecondazione assistita in Italia. In 5 centri GeneraLife (Roma, Torino, Napoli, Marostica e Umbertide), nel mese di agosto 2020 è stato registrato un aumento di 8 volte dei trattamenti di Procreazione medicalmente assistita rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. La tendenza si è poi riconfermata anche nei mesi autunnali ed è probabile che, quando anche questa seconda fase di pandemia si sarà attenuata, le richieste per questi procedimenti torneranno a essere numerose.
Gli esperti si augurano però che le coppie italiane si affidino ai centri specializzati in Pma anche per la tecnica eterologa, per la quale tante persone sono convinte di poter trovare un’offerta più agevole in altri Paesi. Il livello dei trattamenti in Italia è invece altissimo ed è giusto approfittarne soprattutto adesso,  un momento in cui i contagi da Sars-Cov-2 rendono difficile spostarsi all’estero. È importante essere consapevoli che in Italia si può contare su tecnologia e assistenza ai massimi livelli. Un gruppo come GeneraLife garantirà l’accesso anche attraverso il Servizio sanitario nazionale, grazie al centro convenzionato Demetra di Firenze.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Una coppia si definisce infertile se non riesce a concepire dopo due anni di rapporti sessuali non protetti. In questo caso è bene parlare con il proprio ginecologo per valutare, se lo si desidera, un percorso di Procreazione assistita.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti