Fecondazione assistita: maggiori probabilità con la musica

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/01/2014 Aggiornato il 07/01/2014

Se gli ovuli, prima di essere trasferiti in utero, vengono immersi nelle vibrazioni della musica, la fecondazione assistita risulta facilitata. 

Fecondazione assistita: maggiori probabilità con la musica

È una nuova tecnica di fecondazione assistita sviluppata dall’Istituto Marquès di Barcellona. Si tratta di dotare le speciali “incubatrici embrionarie”, dove si conservano gli ovuli prima e durante la fecondazione, di altoparlanti che emettono musica. Queste vibrazioni sembrano riprodurre condizioni simili all’utero materno, con un incremento delle probabilità di successo della fecondazione assistita. E oggi sono sempre più numerose le famiglie che ricorrono alle tecniche di procreazione assistita.

Le micro-vibrazioni che aiutano gli ovuli

“Abbiamo scoperto che le micro vibrazioni della musica” ha spiegato Federica Moffa, ginecologa specializzata in medicina riproduttiva presso la clinica spagnola “aumentano le possibilità degli spermatozoi di fecondare l’ovocita in laboratorio. In medicina riproduttiva si cerca, da sempre, di riprodurre le stesse condizioni presenti nell’utero materno, cioè temperatura, oscurità, livelli di Co2 e ossigeno. La grande sfida è stata riuscire a riprodurre i continui movimenti intrauterini”.

Un aumento del 5% delle probabilità di successo

“Grazie alla musica negli incubatori”, continua la dottoressa Moffa “adesso siamo in grado di riprodurre movimenti analoghi a quelli peristaltici delle tube di Falloppio, dove si muovono gli ovociti nel loro cammino naturale verso l’utero. Un’innovazione che ha comportato un aumento del 5 per cento della percentuale di fecondazione, ovvero delle probabilità per gli spermatozoi di fecondare gli ovociti”.

Dalla musica classica all’heavy metal

All’Istituto Marquès tutti gli incubatori embrionari sono stati dotati di altoparlanti e, grazie al supporto di tecnici del suono, il team del dipartimento di embriologia della clinica ha creato un programma capace di emettere micro vibrazioni per 24 ore al giorno, selezionando tre differenti stili musicali: pop, heavy metal e musica classica. Tutti e tre i tipi di musica sono efficaci e, come ha spiegato ancora Moffa, “non sono state rilevate importanti differenze tra l’uno o l’altro genere musicale”.

Studio su 985 ovuli

A supporto dell’utilizzo di tale tecnica è stato realizzato anche lo studio “Impact of exposure to music during in Vitro culture on embryo development”, che ha analizzato 985 ovociti fecondati di 114 pazienti differenti. Gli ovociti di ogni paziente sono stati suddivisi in 2 gruppi differenti, ognuno dei quali sottoposto a differenti colture: il primo in un incubatore dotato di altoparlante e il secondo in un incubatore convenzionale. Lo studio ha dimostrato che gli ovociti in coltura con le micro vibrazioni musicali hanno avuto una percentuale di fecondazione maggiore (più del 4,8 per cento) rispetto agli altri.

In breve

L’EMBRIONE SENTE

Sono già stati fatti numerosi studi sugli effetti della musica sull’embrione o sul feto durante la gravidanza, in quando si sa che l’udito comincia a svilupparsi già nelle prime settimane di vita. Per gli ovuli, invece, il discorso è diverso, in quanto la musica viene utilizzata solo come fonte di vibrazioni. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti