Fecondazione assistita: meno risultati dopo 5 cicli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/10/2013 Aggiornato il 30/10/2013

Dopo il quinto tentativo di fecondazione assistita le probabilità di successo sono molto basse

Fecondazione assistita: meno risultati dopo 5 cicli

Nella fecondazione assistita le possibilità di riuscita calano dopo il quinto tentativo. E le percentuali parlano chiaro: i tassi di successo sono del 21,1% dopo il primo ciclo, del 31,1% dopo il secondo, del 36% dopo il terzo, del 40% dopo il quarto mentre quelli successivi raggiungono al massimo lo 0,7%. Lo afferma un rapporto sui dati di Australia e Nuova Zelanda redatto dalla università australiana del South Wales.

Più possibilità per le under 35

Le cose cambiano, invece, se si prendono in considerazione le under 35 che si sottopongono alla fecondazione assistita: i numeri sono più alti e oltre il 50% delle donne ha successo dopo cinque tentativi. “La buona notizia – commentano gli autori – è che le probabilità di successo aumentano anche dopo il terzo o il quarto tentativo, mentre noi pensavamo che i primi due fossero quelli decisivi”.

Il primo bimbo in provetta nacque nel 1978

Louise Joy Brown è la prima persona al mondo nata attraverso il metodo della fecondazione in vitro. I suoi genitori, Lesley e John Brown, decisero di ricorrere alla fecondazione assistita dopo aver provato inutilmente a concepire per nove anni. Louise ha una sorella, Natalie, nata anche lei con la fecondazione assistita.

In breve

LE PROBABILITA’ SI ABBASSANO CON L’ETA’

Il successo della fecondazione assistita, cioè le probabilità di ottenere una gravidanza, si abbassano anche con il crescere dell’età dell’aspirante madre. È sbagliato, quindi, pensare che a qualunque età sia possibile restare incinta con la fecondazione assistita e portare a termine una gravidanza.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti