Fecondazione assistita: numeri da record negli ultimi mesi della pandemia

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 25/03/2021 Aggiornato il 25/03/2021

Gli ultimi dati mostrano una tendenza a recuperare il tempo perduto con una crescita di richieste per la fecondazione assistita

Fecondazione assistita: numeri da record negli ultimi mesi della pandemia

Il primo lockdown e l’emergenza Covid-19 hanno costretto molte coppie a posticipare i trattamenti di fecondazione assistita, ma gli ultimi dati hanno mostrato come si stia cercando di recuperare il tempo perduto con la pandemia. 

Una crescita di oltre il 50%

A partire da agosto, secondo i dati raccolti nei 6 centri italiani di procreazione medicalmente assistita (Pma) del gruppo europeo GeneraLife, si era registrato un aumento dei cicli di trattamento di 8 volte rispetto allo stesso mese del 2019.

Nel corso del mese di dicembre, nelle cliniche del gruppo, si è assistito a una crescita di oltre il 50% dei prelievi di ovociti, il primo passo nel percorso di fecondazione assistita, rispetto a quanto avvenuto nello stesso periodo del 2019. Anche i cicli effettuati con donazione di gameti (fecondazione eterologa), a dicembre sono aumentati di circa il 53%, e le prime visite del 2020: lo scorso anno nei 6 centri (Roma, Napoli, Umbertide, Torino, Marostica e Firenze) erano stati effettuati 271 prelievi degli ovociti, a dicembre 2020 il numero è aumentato a 410. In aumento anche le prime visite, passate da 423 a 513 (+20), e i cicli con donazione di gameti, da 45 a 69 (+53%).

Possibili conseguenze del Covid sulla fertilità

Le pazienti chiedono spesso se aver contratto Covid-19 possa influire sulla loro fertilità e su quella dei loro partner, ma la risposta non è ancora definitiva. Nella letteratura scientifica ci sono stati report relativi a un potenziale effetto negativo dell’infezione sulla qualità del liquido seminale o una potenziale trasmissione verticale del virus, ma si tratta di ricerche ancora limitate. È necessario aspettare che gli studi vadano avanti e giudicare i lavori sulla base dei numeri che riportano, del rigore statistico e della qualità delle riviste in cui vengono pubblicati.

 

 
 
 

Da sapere!

Oggi un ulteriore problema riguarda la vaccinazione Covid-19 per chi sta cercando una gravidanza con la fecondazione assistita. Le indicazioni delle autorità sanitarie puntano sulla valutazione caso per caso e la singola situazione di ogni donna o uomo che stia cercando di avere un bambino, in assenza di dati specifici nelle sperimentazioni dei vaccini a disposizione.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti