Fecondazione in vitro: così ha maggiore successo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/12/2015 Aggiornato il 16/12/2015

Lo screening innovativo per la fecondazione in vitro, messo a punto da ricercatori britannici, aumenterebbe il tasso di impianto di circa il 75 per cento

Fecondazione in vitro: così ha maggiore successo

Le speranze di avere un bambino, per coloro che ricorrono alla procreazione medicalmente assistita, potrebbero aumentare fino al 75-80 per cento. Alcuni ricercatori dell’Università di Oxford hanno messo a punto un nuovo test che permetterebbe di selezionare con maggiore precisione l’embrione più adatto all’impianto nell’utero. I risultati della ricerca sono stati presentati a Baltimora, durante la riunione annuale dell’American Society for Reproductive Medicine. Il nuovo screening potrebbe essere disponibile in Gran Bretagna entro sei mesi, al costo accessibile di poco più di 270 euro.

Aumenta la probabilità di impianto

Uno dei fattori più importanti, che influenzano il successo del trattamento di fecondazione in vitro, è la salute dell’embrione selezionato per il trasferimento nel grembo materno. Al momento i medici possono controllare i livelli di cromosomi ed embrioni studiandoli al microscopio, nel tentativo di scegliere quelli con le migliori possibilità di essere impiantati nell’utero. Questo però genera un tasso di successo del 60-65 per cento, il che significa che quattro interventi su dieci non funzionano. Invece, con il nuovo test, che costerebbe solo 200 sterline (circa 270 euro), i medici potranno controllare i livelli del Dna mitocondriale, cioè quello contenuto all’interno dei mitocondri, così come i cromosomi, eliminando degli embrioni difettosi e aumentando le probabilità di impianto a circa il 75 per cento.

Sempre più efficace la fecondazione in vitro

“Nessuno può contestare che la fecondazione in vitro abbia avuto un enorme successo – osserva il professor Dagan Wells del Centro di Ricerca Biomedica di Oxford – In qualsiasi scuola, almeno un bambino è nato con la fecondazione in vitro. Tuttavia ancora molte pazienti non riescono a rimanere incinte e alcune di esse hanno provato più volte il trattamento. Questo – sottolinea – comporta molte implicazioni emotive e finanziarie. C’è un grande desiderio di dare una maggiore certezza del risultato. Alcune donne hanno lo zero per cento di possibilità”. In diverse cliniche negli Stati Uniti si sperimenta già questa nuova procedura e gli scienziati inglesi ora sperano che la Human Fertilisation and Embryology Authority (Hfea) conceda loro l’autorizzazione a utilizzarla, entro sei mesi, in Gran Bretagna.

Attenzione al Dna mitocondriale

“Studiando gli interventi che non vanno a buon fine, ci siamo accorti che c’era troppo Dna mitocondriale e in questi casi non avviene l’impianto – spiega ancora il dottor Wells – Per un buon risultato, bisogna prendere un piccolo numero di cellule cinque giorni dopo la fecondazione dell’ovulo. In questo modo, la possibilità d’impianto aumenta a circa il 70-80 per cento. Alcuni embrioni hanno livelli anormali di Dna mitocondriale e ciò significa che non possono essere impiantati”. Gli fa eco il dottor James Toner della Society for Assisted Reproductive Technology: “Questo studio ci fornisce nuove conoscenze che possiamo usare per aiutare le pazienti a ottenere il migliore risultato possibile e solleva domande interessanti circa l’invecchiamento riproduttivo femminile.”

VUOI SAPERNE DI PIÙ SULLA fecondazione assistita? LEGGI QUI

 

 
 
 

da sapere

 

ATTENZIONE ANCHE ALL’ETÀ

Bisogna considerare anche altri fattori che possono limitare il successo di questo nuovo test, come l’età della donna e l’invecchiamento riproduttivo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti