Infertilità in crescita: boom di fecondazione assistita

Roberta Camisasca
A cura di Roberta Camisasca
Pubblicato il 15/07/2019 Aggiornato il 15/07/2019

Nel mondo 90 milioni di coppie sperimentano problemi di fertilità: molte cercano risposte nella fecondazione assistita, ma l’età conta più di quanto si creda

Infertilità in crescita: boom di fecondazione assistita

Sono 90 milioni le coppie nel mondo che sperimentano problemi di infertilità, 25 milioni di persone solo in Europa, che è il continente dove più si ricorre alla fecondazione assistita: si è passati dai 100mila cicli del 1995 ai 700mila del 2014. E il tasso di fertilità è in calo in tutto il mondo negli ultimi anni. Anche in Africa, dove rimane il più alto, il numero di nascite per donna è crollato da 5,1 nel 2000-2005 a 4,7 nel 2010-2015.

Sempre più fecondazione assistita

A dare il quadro è Eleonora Porcu, professoressa di ginecologia all’Università di Bologna, al 75esimo congresso di pediatria. L’Italia, dove si stima che circa il 15% delle coppie abbia problemi di infertilità, è l’ottavo Paese al mondo per numero di trattamenti di fecondazione assistita. Più di otto milioni di bambini sono nati nel mondo grazie a queste procedure dal 1978, in Europa dal 1997 al 2014 quasi un milione e mezzo, in Italia nel solo 2016 13.582 (in totale il 2,9% di tutte le nascite in Italia in quell’anno).

Non risolve tutti i casi

La fecondazione assistita è stata ideata per curare la sterilità ma non riesce a vincere ogni infertilità, sottolineano gli esperti. Con una percentuale media di gravidanze intorno al 30%, la percentuale cumulativa può crescere con più cicli di trattamento ma non arriva mai a curare tutti i casi.

Mamme mature a rischio

Oltre alle patologie c’è anche il fattore età: l’indice di fertilità mensile in ragazze giovani con rapporti sessuali regolari è del 20% per ciclo, chiariscono gli esperti della clinica Institut Marquès. Per le donne che si avvicinano ai 40 anni, invece, le possibilità di ottenere una gravidanza si abbassano del 5% per ciclo.

Attenzione a rimandare troppo

Oggi la denatalità è dunque più legata a fattori sociali e specialmente alla tendenza, sempre più diffusa per i motivi più disparati, a posticipare la ricerca di bambini, che alla presenza di patologie che possono trovare risposta nella fecondazione assistita. Molte coppie non si preoccupano gli effetti dell’invecchiamento sulla fertilità perché pensano, erroneamente, che basti poi ricorrere alla fecondazione assistita: la scoperta di una sterilità incurabile è poi drammatica.

 

 

Da sapere

3 ELEMENTI PER LA FERTILITÀ

Le possibilità di gravidanza dipendono principalmente da tre fattori: età della donna (incide sulla riserva ovarica), qualità del seme (collegata all’età dell’uomo e al suo stile di vita) e livello di fertilità della coppia.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho usato un coltello sporco: rischio la toxoplasmosi?
19/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Se non si è immune alla toxoplasmosi, durante la gravidanza è sempre meglio non usare lo stesso coltello sia per sbucciare la frutta non lavata sia per affettarla.   »

Fibroma e gravidanza
05/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono fibromi che per collocazione e dimensione non interferiscono sulla possibilità di iniziare e portare a termine una gravidanza,  »

Terzo cesareo a due anni dal secondo: quali pericoli?
22/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

In realtà i rischi legati a un terzo cesareo sono più o meno gli stessi dei due cesarei precedenti.   »

Fai la tua domanda agli specialisti