Ringiovanimento ovarico: una nuova strada verso la maternità?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/08/2017 Aggiornato il 10/08/2017

Il ringiovanimento ovarico potrebbe essere applicato alle donne di massimo 42 anni che non riescono ad avere un figlio. Come funziona

Ringiovanimento ovarico: una nuova strada verso la maternità?

Ringiovanimento ovarico: così è stata chiamata una metodica che potrebbe in futuro aiutare ad avere un figlio le donne che hanno una bassa riserva ovarica dovuta alle più svariate ragioni, compresa la menopausa precoce.

Come cala la fertilità

La riserva ovarica è il patrimonio di follicoli di cui la donna dispone fin dalla nascita e che diminuisce con il passare degli anni. Nel corso della sua vita fertile, che va dalla prima mestruazione alla menopausa, solo qualche centinaio dei 1-2 milioni di follicoli raggiungono la maturazione e diventano ovociti che possono essere fecondati.

Un procedimento complesso

La tecnica del ringiovanimento ovarico prevede la riattivazione, mediante un processo particolare che si avvale anche dell’utilizzo di cellule staminali del midollo osseo, di follicoli presenti nelle ovaie. Questi follicoli, in assenza della procedura, non raggiungerebbero la maturazione e quindi non potrebbero permettere la gravidanza. La metodica può trovare applicazione in particolare nelle donne che hanno avuto una menopausa precoce, ovvero quando le ovaie hanno smesso di funzionare prima dei 40 anni. A determinare la menopausa precoce, può essere la predisposizione genetica, uno stile di vita scorretto (fumo, alcol, dieta sbilanciata) o anche trattamenti invasivi come interventi chirurgici, chemioterapia e radioterapia.  

Il parere dell’esperto

“Non si può escludere che la metodica possa essere un’opportunità in futuro – afferma il professor Giovanni Scambia, direttore dell’Area salute donna del Policlinico Gemelli di Roma e presidente della Società italiana di ginecologia e ostetricia – tuttavia è oggi a uno stadio totalmente sperimentale, quindi non è possibile esprimere un parere sui risultati che potrà produrre. Certo è che l’Italia è uno dei Paesi più all’avanguardia nell’ambito della cura dell’infertilità, quindi è verosimile che, semmai la tecnica dovesse dimostrarsi d’aiuto, anche nei nostri centri potrebbe essere presa in considerazione”.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Le ovaie iniziano a perdere la loro originaria efficienza a partire da 10 anni prima della menopausa, che in media compare poco dopo i 50 anni di età.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola il tuo ciclo mestruale

Calcola il periodo di ovulazione

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ansia e attacchi di panico in gravidanza e lo psichiatra (incomprensibilmente) sospende i farmaci

12/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è comprensibile la ragione per la quale una donna che soffre di un disturbo ansioso con attacchi di panico dovrebbe sospendere i farmaci per il solo fatto di essere incinta, tanto più che medicinali che controllano i sintomi e sono compatibili con la gravidanza ci sono.  »

A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

08/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.   »

Cosa vuol dire “sopra il quinto percentile”?

04/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Una crescita sopra il quinto percentile rappresenta il 95% della popolazione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti